Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Memorie difensive entro trenta giorni dal verbale

di Rosanna Acierno

La difesa per le eventuali controversie sull'antiriciclaggio segue le regole dettate dalla legge n. 689/1981 che disciplina le sanzioni amministrative.

La contestazione

La norma prescrive che la violazione in materia, quando è possibile, deve essere contestata immediatamente al trasgressore e alla persona coobbligata in solido al pagamento del dovuto.

In caso di contestazione immediata, il presunto trasgressore può chiedere l'inserimento nel verbale di proprie osservazioni. Qualora, invece, non sia possibile eseguire la contestazione immediata, gli estremi della violazione devono essere notificati al presunto trasgressore, a pena di nullità, entro il termine di 90 giorni, se residente nel territorio della Repubblica, ovvero entro il termine di 360 giorni, se residente all'estero. Il mancato rispetto del termine prescritto comporta, infatti, l'estinzione dell'obbligazione di pagare la somma dovuta per la violazione e la decadenza per l'amministrazione dal diritto di esigere la sanzione pecuniaria.

Se l'interessato si rifiuti di firmare o di ricevere copia del l'atto, lo stesso si intende comunque notificato ai sensi del l'articolo 138 del Codice di procedura civile.

Il soggetto che ha accertato la violazione antiriciclaggio deve poi inviare il verbale alla direzione provinciale dei servizi vari del Mef competente in base al luogo in cui è stata commessa la violazione, entro trenta giorni, per l'irrogazione delle sanzioni.

Il trasgressore o l'obbligato in solido, entro 60 giorni dal ricevimento del verbale di accertamento, possono effettuare il pagamento della sanzione.

Solo per le violazioni relative al divieto di uso di denaro contante e titoli al portatore ovvero di mancata apposizione della clausola di non trasferibilità, se obbligatoria il cui importo non sia superiore a 250mila euro, è possibile, sempre entro 60 giorni, procedere al pagamento in misura ridotta (oblazione), pari a un terzo del massimo o, se più favorevole, al doppio del minimo della sanzione prevista.

Le precisazioni

Entro 30 giorni dal ricevimento del verbale, il trasgressore o l'obbligato in solido possono presentare uno scritto difensivo per contestare o precisare quanto verbalizzato e/o chiedere di essere ascoltati.

La memoria difensiva deve indicare le circostanze del caso, i motivi per i quali si richiede l'archiviazione del processo verbale o l'eventuale riduzione della sanzione amministrativa, allegando tutti gli elementi che si ritengono utili ai fini di una corretta valutazione dei fatti accaduti. In ogni caso, la presentazione non ha effetto sospensivo dei termini di pagamento della sanzione. Inoltre, qualora l'interessato, pur avendo presentato uno scritto difensivo, paghi la sanzione, il Mef non procederà all'esame dello scritto difensivo stesso, poiché il pagamento ha effetto liberatorio e conclude in modo definitivo il procedimento sanzionatorio.

Trascorso il termine di 60 giorni dalla data di notifica del processo verbale e sentiti gli interessati che ne abbiano fatto richiesta, il Mef, se ritiene fondato l'accertamento, con ordinanza motivata, emette il decreto con cui irroga la sanzione per la violazione e ne ingiunge il pagamento entro il termine di 30 giorni. Il mancato pagamento dell'ordinanza di ingiunzione comporta l'iscrizione della somma dovuta al ruolo esattoriale. Se il Mef non ritiene fondato l'accertamento, emette ordinanza motivata di archiviazione.

Entro 30 giorni dalla notifica dell'ordinanza il trasgressore e/o l'obbligato in solido possono presentare ricorso contro il provvedimento ingiuntivo davanti al giudice unico presso il Tribunale del luogo in cui è stata commessa la violazione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al bivio tra un’iniezione di "italianità", che potrebbe coincidere con l’acquisizione di Mps o...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Cronaca di un addio a lungo annunciato, ma non per questo meno traumatico (-4,96% il titolo in Borsa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Estrema cautela». È questo allo stato dell’arte l’approccio di Cdp e dei fondi, Blackstone e...

Oggi sulla stampa