Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mediobanca, via libera della Bce. Del Vecchio potrà salire fino al 20%

Via libera della Bce a Leonardo Del Vecchio ad acquisire fino al 19,99% di Mediobanca. Il verdetto della Vigilanza è arrivato ieri al termine dei 60 giorni lavorativi dalla richiesta di fine maggio, secondo la formula del silenzio-assenso. Un risultato che la Borsa ha sottolineato con un +3,54% di Mediobanca a 7,5 euro.

Il patron di Luxottica, 85 anni, attraverso la holding lussemburghese Delfin si prepara così a crescere in Mediobanca, rafforzando il ruolo di primo socio conquistato a sorpresa tra settembre e novembre quando si è portato in due step al 9,9%, comprando in Borsa il 6,9% e poi, a novembre, parte della quota ceduta da Unicredit. Del Vecchio in un primo momento aveva criticato la strategia di Mediobanca come troppo dipendente dagli utili della quota del 13% in Generali (di cui Del Vecchio è azionista con il 5%) e dal credito al consumo e meno dall’investment banking. Nel frattempo ha modificato la sua posizione, dichiarando appoggio e sostegno al nuovo piano industriale del ceo Alberto Nagel, la cui Mediobanca è diventata intanto advisor nei maggiori deal dell’anno: la fusione Fca-Psa, l’ops di Intesa Sanpaolo su Ubi e ora la vendita di Mps per conto del Tesoro.

Secondo indiscrezioni, Del Vecchio — che ieri ha telefonato a Nagel per avvisarlo dell’ok Bce — potrebbe innanzitutto salire fino al 13-14% magari comprando da Vincent Bolloré, che ha il 5,7%, superando così il 12,6% del «patto di consultazione» (Mediolanum, Fininvest, Benetton, Gavio, Ferrero tra i soci).

Per superare i dubbi del regolatore sui rischi di un’impasse nella governance, Del Vecchio (assistito dall’avvocato Sergio Erede e da Vittorio Grilli di Jp Morgan) avrebbe affinato la strategia chiedendo l’ok a crescere come «investitore finanziario». Un elemento decisivo in una fase cruciale per Piazzetta Cuccia: all’assemblea di fine ottobre si dovrà rinnovare il consiglio e per la prima volta sarà il board uscente a presentare una lista. Sarà di fatto un rinnovo del consiglio in scadenza, dal quale usciranno solo Alberto Pecci e Marine Bolloré, da sostituire con due donne. Dato che Del Vecchio non ha intenzione di presentare una lista, bisognerà vedere se appoggerà quella del board o quella di Assogestioni oppure un’eventuale altra lista. A luglio il fondo attivista Bluebell aveva inviato una lettera critica della strategia di Mediobanca e non ha mai escluso di presentare una propria lista. In ogni caso la linea fatta filtrare nei mesi scorsi da Del Vecchio è di garante della stabilità e quindi dell’italianità di Mediobanca. Secondo altre letture Del Vecchio punterebbe, via Mediobanca, a spingere Generali a operazioni straordinarie anche con aumenti di capitale.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa