Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

In Mediobanca salgono Del Vecchio e la voglia di novità

Mediobanca risale in Borsa insieme alle Generali, che da sole rappresentano due quinti del suo valore. Il fondatore Enrico Cuccia sosteneva che la banca si scalava da Trieste, fu così che nel 2003 l’ad di Unicredit Profumo, rastrellando azioni di Generali costrinse Maranghi alle dimissioni. Ora la manovra è a tenaglia, il terzo azionista di Generali (4,8%), ovvero la Delfin di Del Vecchio è il primo socio di Mediobanca (10,1%). La banca guidato da Nagel pensava di avere il mercato dalla sua parte, dato che ha sempre remunerato i soci con lauti dividendi: una pratica sconosciuta nell’era Cuccia e Maranghi. Ma Del Vecchio, che come tutti gli azionisti non disdegna le cedole, chiede piani più “ambiziosi”. In assemblea il 28 ottobre i voti si conteneranno, e il rischio che la lista più votata non sia quella di Nagel sale, sia perché non c’è più un sindacato a proteggere il management di Piazzetta Cuccia, sia perché per qualche socio – non solo per Del Vecchio – c’è voglia di un cambio di passo. Lo chiede pure Bluebell (appoggiata dai proxy advisor di Frontis), con toni che però difficilmente si addicono a quelli dell’imprenditore, più incline a sostenere la lista Assogestioni.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa