Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mediobanca, Nagel fa il pieno di voti anche con i fondi

Come prevedevano alcuni un mese fa, allo spuntare della lista di Bluebell per il cda di Mediobanca, il terzo contendente rischiava di disgregare gli investitori di mercato e causare una vittoria più netta del cda uscente. Quel cda di cui lo stesso fondo attivista era il maggior critico. E così è finita la prima assemblea “remota” a Piazzetta Cuccia, coincisa con la prima di Leonardo Del Vecchio da primo socio. La “proxy fight” tra lista del cda uscente, lista di minoranza dei gestori e lista Bluebell ha fatto mietere voti ai nomi che fino al 2017 erano araldi del patto parasociale più discusso d’Italia. Con il 65,3% di titoli al voto la lista del cda ha preso il 44,2%: oltre ai pattisti residui, e a Bolloré, molti fondi istituzionali, a cui il tandem Pagliaro presidente e Nagel ad non hanno mai chiesto soldi anzi da anni li remunerano al 9%. Più che doppiata la lista dei fondi, votata da un 19,1% tra cui fa capolino, senza troppo stupore, il 10,16% di Del Vecchio. Che ieri, tacendo, si è mosso “da istituzionale”. È il trionfo dei due manager che nel 2023 compiranno il ventennale o è la «vittoria di Pirro», come l’ha definita Bluebell? Forse sarà una terza via. Un indizio è che Del Vecchio ieri ha votato contro i compensi dati nel 2020 ai vertici, approvando invece gli incentivi 2021, ben mitigati.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa