Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mediobanca, l’utile cresce del 23% Attesi più dividendi e nuovo piano 4.500

Nel primo semestre Mediobanca aumenta gli utili del 23% a 321 milioni grazie alla crescita del margine d’interesse e alla ripresa delle commissioni. E l’amministratore delegato Alberto Nagel auspica ci sia spazio per aumentare il dividendo. L’istituto, che ha avviato le riflessioni sul nuovo piano industriale («il timing possibile è verso ottobre-novembre»), presenta un indice patrimoniale (Cet1) pari al 12,4% e si conferma fra le miglior banche europee per qualità degli attivi creditizi (le attività deteriorate diminuiscono per il quarto trimestre consecutivo con un calo del 12%). In conference call Nagel ha detto che il gruppo punta a crescere ancora «nel mondo Compass, nel mondo Chebanca! e nell’alternative asset management». Sulla gestione di asset di credito l’acquisizione Cairn «è l’inizio»: con il management inglese «stiamo esaminando altre piccole operazioni qualitative di crescita». Con Cairn e Barclays Italia il peso nell’asset management è raddoppiato: le masse gestite hanno raggiunto i 40 miliardi.
Riguardo a Generali, di cui Piazzetta Cuccia è primo azionista con il 13,2%, Nagel si è detto soddisfatto per la contribuzione al conto economico: «Vendere il 3% è un’opportunità, non un obbligo. Abbiamo margini di flessibilità, non siamo tenuti a farlo entro il 30 giugno». Sul cambio di vertice nella compagnia, dopo l’uscita di Mario Greco, il top manager della banca auspica una «linea di continuità» e sottolinea che Generali «non deve avere steccati» nella scelta di un manager interno o esterno. Le motivazioni dell’uscita di Greco «non vanno ricercate in cambi di strategia o incomprensioni. Non ci sono state né ci sono state proposte operazioni di crescita». Su strategia e decisioni «abbiamo sempre dato pieno supporto. Greco ha un profilo più adatto a situazioni di turnaround che di crescita. Lo si ricava anche dalle precedenti esperienze dove ha cambiato dopo pochi anni e spesso in polemica. Quanto leggo mi ricorda il detto “Nondum matura est”», riferendosi a quanto dice la volpe dell’uva che non riesce a raggiungere: era acerba.
Su Rcs MediaGroup Nagel non vede la necessità «di cambiare il quadro con azionisti industriali o altri apporti. Mi auguro che Exor rimanga, ha sempre avuto un’interazione con noi basata su contenuti e prospettive aziendali, ha dato e dà un apporto importante. Ora si tratta di accompagnare management e consiglio nell’esecuzione di un piano interessante che richiede anni di lavoro ed è all’inizio». Infine, a proposito delle voci su un sua «candidatura» per Unicredit, Nagel si definisce «forse uno degli ultimi mohicani: credo che l’appartenenza a una maglia e la gratitudine a un’istituzione che ha dato molte gratificazioni sia più importante delle ambizioni personali».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa