Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mediobanca, la francese Groupama via dal capitale

Groupama esce da Mediobanca. Il gruppo assicurativo francese ha comunicato ieri di aver proceduto alla cessione del 4,9% detenuto in Piazzetta Cuccia con un collocamento privato presso investitori istituzionali per un controvalore di 333 milioni. La mossa non arriva a sorpresa, visto che oltre un anno fa la compagnia ha lasciato il patto di Mediobanca. Allora da Parigi era stata dichiarata l’intenzione di conservare le azioni, ma le scelte di investimento sono cambiate in relazione sia alla concentrazione nel core business sia al fatto che nel frattempo il titolo dell’istituto guidato da Alberto Nagel ha guadagnato il 60%. 
«Questa cessione», si legge nella nota di Groupama, «costituisce una nuova tappa nella strategia che consiste nel rafforzare i margini di manovra e ridurre l’esposizione ai rischi del mercato». Al 30 giugno 2014 la partecipazione era contabilizzata a 147 milioni a fronte di un fair value di 321. Groupama era entrata in Mediobanca nel 2002 e aveva aderito al patto con i soci guidati da Vincent Bolloré. L’ingresso nel sindacato, aveva spiegato il gruppo al momento della disdetta, «corrispondeva a un’epoca di ricerca di crescita esterna in Italia, diversamente da quanto avviene oggi» visto che «la compagnia ha una solida presenza sul mercato italiano dove sviluppa una strategia di crescita organica». Il disimpegno da Piazzetta Cuccia era arrivato dopo il mancato deal su Fonsai e una radicale riorganizzazione con cambio di top management e strategie.
Per la sua natura l’operazione non si riflette sul titolo di Mediobanca (ieri in rialzo del 3,3% a 8 euro) mentre l’istituto vede così crescere il flottante e il peso sugli indici di Borsa. Piazzetta Cuccia ha fra l’altro comunicato ieri di aver rafforzato la squadra a Londra con la nomina di Felipe de Grado a managing director nel team di equity capital market.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa