Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mediazione forza 9

di Valerio Stroppa 

La proposizione di un ricorso contro un accertamento inferiore a 20 mila euro senza istanza di reclamo non preclude il procedimento di mediazione. Gli uffici delle Entrate dovranno tuttavia far presente al contribuente che l'impugnazione è soggetta al nuovo istituto previsto dall'art. 17-bis del dlgs n. 546/1992 e che quindi l'eventuale costituzione in giudizio potrà avvenire solo dopo la notifica della risposta dell'Agenzia o, in mancanza, decorsi 90 giorni dalla presentazione. Insomma, gli uffici riterranno ugualmente attivata la procedura di reclamo/mediazione, nonostante l'irregolarità dell'istanza. È quanto precisa l'Agenzia delle entrate con la direttiva n. 29/2012 trasmessa alle direzioni territoriali, che reca ulteriori indicazioni operative rispetto a quelle già fornite con la circolare n. 9/E del 19 marzo scorso (integralmente confermata).

Una delle ipotesi applicative evidenziate nella direttiva è la notifica, da parte del contribuente, di un'impugnazione predisposta in difformità dallo schema di «ricorso con istanza» suggerito dall'Agenzia proprio con la citata circolare n. 9/E o addirittura priva dell'istanza di reclamo richiesta dall'art. 17-bis del dlgs n. 546/1992. Il comma 2 di tale disposizione, peraltro, punisce con l'inammissibilità il contribuente che intenda adire direttamente la Ctp senza prima esperire la procedura obbligatoria pre-contenziosa presso la Direzione che ha emesso l'atto.

Le Entrate, tuttavia, come già fatto con la circolare n. 9/E, sottolineano che l'istanza si inserisce in un procedimento di natura amministrativa, non giudiziaria. Eventuali vizi della stessa, quindi, non sono di assoluto impedimento alla mediazione (così come all'autotutela). In linea con il principio di collaborazione, l'ufficio che riceve o si vede notificato il ricorso senza istanza dovrà fare presente al contribuente che la lite rientra tra quelle oggetto di reclamo obbligatorio. Pertanto, l'eventuale deposito del ricorso presso la Ctp non potrà comunque avvenire prima della notifica del provvedimento di risposta dell'Agenzia o, in sua assenza, decorsi 90 giorni dalla presentazione dell'atto di opposizione. Poiché all'inizio l'effetto novità potrebbe rendere tali circostanze piuttosto frequenti, la Direzione centrale affari legali e contenzioso invita le direzioni territoriali a prestare particolare attenzione sulla necessità di adeguare sistematicamente le avvertenze degli atti impugnabili.

Dalla direttiva n. 29/2012 emerge un ruolo rafforzato anche per gli Oci, gli Organi consultivi interni istituiti presso ogni Dp o Dr e chiamati in causa in fase di istruttoria per i casi più delicati. Gli Oci dovranno fornire il proprio parere (non vincolante) nella trattazione delle istanze ogni volta che si dovrà affrontare per la prima volta una questione complessa o di particolare rilevanza, quando si vorrà revisionare orientamenti precedentemente assunti o laddove si intenderà modificare la prassi. La decisione finale dell'Oci è adottata dal direttore provinciale o regionale, che ne è anche presidente e ne decide la composizione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa