Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mediazione, corsa contro il tempo

di Simona D'Alessio

Circa cinquanta ordini forensi d'Italia su 165, a soli tre giorni dall'entrata in vigore della legge sulla mediazione obbligatoria, sono sprovvisti dei locali in cui si dovrà tentare la conciliazione fra le parti. E non si tratta, come sarebbe facile ipotizzare, di sedi dell'avvocatura situate in piccoli centri, o in aree un po' arretrate del Mezzogiorno: a non essere attrezzati, infatti, sono tanto il foro di Torino quanto quello di Catania, e l'elenco prosegue con città come Bergamo, Como, Pavia, Palermo, Pisa, Sulmona e Reggio Calabria.

A suonare il campanello d'allarme è il Consiglio nazionale forense che, nella giornata di apertura del VI congresso giuridico di aggiornamento (a Roma, nel complesso di Santo Spirito in Sassia, fino a domani, sabato 19 marzo), sottolinea che la richiesta al governo di far slittare di un anno l'avvio della norma non nasceva da una resistenza corporativa, bensì proprio dalla necessità di evitare i problemi organizzativi che, a questo punto, probabilmente si verificheranno a partire dal prossimo lunedì. Le informazioni sulle carenze strutturali nei fori della Penisola, spiega a ItaliaOggi Fabio Florio, membro del cnf in rappresentanza del distretto di Corte d'appello di Catania, «sono desunte dalle risposte pervenute dagli ordini a un questionario che abbiamo inviato nelle scorse settimane». Perciò, sono dati incontrovertibili. Ecco, in ordine alfabetico, le sedi a oggi inadeguate a far svolgere l'attività di conciliazione, così come ha stabilito il decreto legislativo 180/2010: Alba, Alessandria, Ascoli Piceno, Avezzano, Benevento, Bergamo, Bologna, Brindisi, Caltanissetta, Campobasso, Catania, Chiavari, Civitavecchia, Como, Cremona, Foggia, Isernia, Lanusei, Larino, Latina, Lecco, Livorno, Lucera, Melfi, Mistretta, Nola, Novara, Orvieto, Palermo, Pavia, Pinerolo, Pisa, Pistoia, Ragusa, Ravenna, Reggio Calabria, Rimini, Sant'Angelo dei lombardi, Sanremo, Saluzzo, Savona, Sulmona, Tempio Pausania, Torino, Tortona, Trani e Urbino. A onor del vero, però, un'indagine condotta da ItaliaOggi del 24/02/2011 rivelava come gran parte dei tribunali italiani sarebbero riusciti, entro la data di start-up del provvedimento, a mettere a disposizione le aule necessarie a compiere la procedura di ricomposizione delle liti.

Le perplessità dei legali sul nuovo sistema per dirimere le controversie sono molteplici, e una tavola rotonda pomeridiana sulla sua applicazione le ha confermate. Secondo il presidente del Cnf Guido Alpa, la media-conciliazione rimane «non compatibile con la disciplina costituzionale e di difficile applicazione», mentre Domenico Dalfino, docente di diritto processuale all'università di Bari, mette in risalto i dubbi sull'opportunità di lasciare che siano i duellanti a chiedere di formulare una proposta, soprattutto in considerazione delle gravi conseguenze di un eventuale rifiuto, «una delle parti maggiormente criticabili» della norma. Interessante è, poi, l'analisi del giurista sulla condotta che dovrà tenere il mediatore: «Sarebbe opportuno che evitasse di avere un atteggiamento troppo incline a suggerire delle soluzioni alle parti, ma dovrebbe più che altro ascoltarle e assisterle nel raggiungimento di un accordo», questo perché «la proposta conciliativa è un momento essenziale del processo di mediazione, ma io la vedo, invece, come una ipotesi residuale», successiva cioè a uno sforzo per mettere a confronto i contendenti, con l'obiettivo di far scaturire un'intesa ritenuta soddisfacente da entrambi.

Negli ingranaggi della macchina giudiziaria si scovano, poi, anche ritardi che è giusto definire cronici. Ernesto Lupo, primo presidente della Corte di cassazione, dichiara, infatti, che con gli attuali «80 mila ricorsi civili e penali all'anno, ossia circa 320 al giorno, è impossibile che si possa lavorare bene». Una nota positiva, tuttavia, la si intravede nel legame che si va saldando fra avvocati e magistrati, considerando che sono i primi, secondo Lupo, a permettere alla Cassazione di «fare giurisprudenza». E, nel giorno della festa per i 150 anni dell'unità d'Italia, sullo sfondo di una crisi economica che non accenna a lasciare la presa, gli avvocati rivendicano, sottolinea Alpa, ieri come oggi «un ruolo nella realtà operativa del paese», pur essendo consapevoli che «la lotta per i diritti è un campo minato». Da queste riflessioni nasce l'impegno dell'organismo forense per fornire agli iscritti agli albi una formazione e un aggiornamento costanti, accurati e in linea con i cambiamenti della società. Alla tre giorni capitolina hanno aderito 2.800 professionisti arrivati da ogni parte d'Italia, che possono seguire seminari che vanno ad approfondire temi che vanno dalla legislazione sugli ammortizzatori sociali, al metodo della difesa nel corso di un dibattimento, dalla tutela dei diritti umani dinanzi alle Corti europee alla riforma della riscossione, con riferimento all'accertamento esecutivo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Segnali contrastanti sul fronte Atlantia-Cdp. L’opinione prevalente è che la cordata coagulata in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non si tratta solo di scegliere una nuova data a partire dalla quale si potrà di nuovo licenziare. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La proroga del Temporary Framework europeo (il Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato) consentirebbe...

Oggi sulla stampa