Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mediaset-Vivendi, si lavora sull’intesa

Si rafforza l’ipotesi di uno scambio di quote intorno al 3% e di una rappresentanza incrociata nei board
Un piccolo scambio azionario per disegnare una grande alleanza, quella tra Vivendi e Mediaset: la soglia del 3%. Il finanziere Vincent Bollorè, l’uomo crocevia delle partite più strategiche in Italia, e PierSilvio Berlusconi su contenuti, distribuzione e pay tv, cercano il bandolo della matassa di una partita complicata.
Nessuna vendita di Premium, hanno tagliato corto due giorni fa da Cologno Monzese. E così infatti sarà: Mediaset non intende rinunciare alla sua pay-tv (anche perchè sarebbe una mossa industrialmente suicida visto che i contenuti a pagamento sono il futuro della tv), ma l’eventuale accordo Bollorè-Berlusconi sarà molto più ambizioso: uno scambio azionario e di governance. Su questo si starebbe trattando, ma è ancora tutto in alto mare: l’ostacolo maggiore sono le valutazioni degli asset. L’ipotetico annuncio di un’operazione italo-francese non ci sarà prima di Pasqua, come invece era circolato fino a qualche settimana fa, ma dovrebbe richiedere più tempo. Nessun cda di Mediaset è previsto a breve.
I riflettori sono puntati sullo scambio azionario tra Vivendi e Mediaset che dovrebbe cementare l’alleanza: si parla di una quota attorno al 3% del capitale di Mediaset e con una quota più o meno dello stesso livello di Vivendi. I francesi, già i dominus di Telecom Italia (col 24,9%), entrerebbero nel principale gruppo tv privato italiano. In cambio l’ex premier Silvio Berlusconi riceverebbe una quota analoga in Vivendi. A cementare l’unione, l’ingresso, anch’esso incrociato, di un consigliere delle due famiglie nei rispettivi cda dell’altra azienda. Ma siccome le due aziende non hanno la medesima capitalizzazione (Vivendi è a 26 miliardi, Mediaset a 4,5), l’equity swap andrebbe compensato: probabilmente il ribilanciamento potrebbe consistere in un conguaglio di azioni Mediaset Premium, che permetterebbe a Vivendi di entrare direttamente dentro la pay-tv e puntare ai contenuti. I legali delle parti sarebbero al lavoro per produrre i contratti necessari all’accordo e per definire la governance dell’alleanza: lo studio Chiomenti per conto di Mediaset e Carnelutti per Vivendi.
A lavorare a un accordo tra Vivendi e Mediaset, come regista e mediatore di tutta l’operazione, sarebbe l’imprenditore franco-tunisino Tarak Ben Ammar, consigliere di Mediobanca e in ottimi rapporti sia con Bollorè sia con Berlusconi (entrami peraltro soci di Piazzetta Cuccia). Il piano «Ben Ammar» prevederebbe un accordo su tre livelli: contenuti, distribuzione e pay tv. Le aree geografiche coinvolte saranno Francia, Spagna, Italia e probabilmente Germania.
Il primo livello sarà la costituzione di una piattaforma per la distribuzione dei contenuti: dunque la famosa «piattaforma europea pay» per contrastare gli americani di Netflix, terzo incomodo sulla pay-tv tra Sky e Mediaset in Italia e con una strategia pna-europea. Un accordo Vivendi, operatore Tlc anche tramite Telecom, con Mediaset aggredirebbe i cosiddetti «Over-The-Top», ossia gli operatori che offrono, solo via internet, film e serie televisive a pagamento. Il progetto anti-Netflix che starebbero studiando Vivendi e Mediaset prevede infatti una piattaforma comune partecipata da entrambi e aperta ad altri soggetti. Dovrebbe riunire Infinity, la piattaforma di tv on-demand e mobile che Mediaset presente in Italia e Spagna, ma anche altre piattaforme come la società tedesca di streaming Watchever, comprata due anni fa proprio da Vivendi. Il pericolo del resto è serio: non solo per i gruppi media come Vivendi e Mediaset,ma per le major di Hollywood stesse (da Universal a Fox e Sony) che hanno creato in modo involontario un colosso come Netflix. Il gigante guidato da Reed Hastings, da puro distributore di contenuti, è diventato produttore realizzando ad esempio serie di successo planetario come House of Cards. E proprio sui contenuti dovrebbe essere il secondo livello dell’accordo tra Vivendi e Mediaset. Vivendi ha 8 miliardi in cassa ma ha bisogno di alleati come Mediaset ed altri gruppi media in Europa per produrre contenuti esclusivi da distribuire. Resta infine il terzo livello dell’alleanza: l’accordo sulle pay tv. Canal+ sul fronte Vivendi e Mediaset Premium. Le due tv a pagamento potrebbero sposarsi per costituire un polo unico in Europa, in questo caso per fare la guerra a Sky.
Intanto ieri, Mediaset è scivolata a Piazza Affari dopo i conti 2015: il titolo, tra i peggiori di Milano assieme a Telecom, ha ceduto il 3,33% a 3,65 euro. Al mercato non sono piaciute le stime 2016 della raccolta pubblicitaria, più debole delle attese, l’andamento nel business televisivo in Italia e le stime sulla redditività degli abbonati di Mediaset Premium (il cui pareggio è stato rinviato al 2017, secondo alcune stime di mercato).

Carlo Festa
Simone Filippetti

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa