Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mediaset, primo trimestre in rosso della storia

MILANO — La drastica dieta avviata nel 2012 non salva Mediaset dal primo rosso della sua storia. Il crollo del mercato pubblicitario (la raccolta di spot a settembre e ottobre è calata di un drammatico 23%) ha aperto una voragine nei conti del Biscione che tra luglio e settembre ha perso 88 milioni di euro, quasi un milione al giorno. E se la situazione non migliorerà prima di dicembre – «allo stato non c’è nessuna inversione di tendenza», precisa in una nota la società – il bilancio del 2012 delle tv del Cavaliere si chiuderà in passivo. E le casseforti di Casa Berlusconi, Fininvest in testa, rischiano di rimanere a digiuno di dividendi.
La leadership di Canale 5 su tutte le fasce commerciali in autunno e il primato delle reti spagnole del gruppo non bastano a puntellare i conti. E come consolazione non valgono nemmeno i pesantissimi dati pubblicitari di settembre di Rai (-29,7%), Sky (-24,3%) e La7 (-14%). La crisi economica in Italia e Spagna ha penalizzato la raccolta di spot, calata del 14,9% da inizio anno nella penisola e del 14% a Madrid. A salvare, almeno in parte, i risultati è stato il piano di tagli ai costi varato con tempestività dal management lo scorso anno e attuato a tappe forzate: a fine settembre il conto economico di Mediaset beneficiava già di 220 milioni di risparmi, poco meno dei 250 previsti per fine 2014. A fronte di uno scenario in rapido deterioramento, però, il Biscione ha deciso di accelerare il lavoro di forbici e di ampliarlo, portando a 450 milioni l’obiettivo di riduzione delle spese.
L’orizzonte resta però tempestoso e l’obiettivo per l’ultimo trimestre dell’anno è quello di focalizzare l’attenzione sulla generazione di cassa (raddoppiata rispetto al 2011) e ridurre un indebitamento già sceso da 1,75 a 1,63 miliardi. Ma ben difficilmente la piccola ripresa della raccolta pubblicitaria attesa per dicembre basterà a riportare in carreggiata i conti, destinati a chiudersi secondo le stime del gruppo «con risultati in linea con quello dei primi nove mesi dell’anno». Vale a dire un rosso di 45 milioni.
A pagare il conto dell’annus horribilis di Cologno Monzese sarà anche la Fininvest, alle prese pure con i guai della Mondadori e i patemi d’animo del Milan. «È ancora presto per parlare di eventuali dividendi», ha detto ieri il direttore finanziario Marco Giordani. Ma ben difficilmente Canale 5 & C. – a meno di mettere mano alle riserve straordinarie – riusciranno a pagare una cedola ai soci. Non a caso via Paleocapa è da qualche mese a caccia di partner con cui suddividere oneri e onori delle sue partecipate. In prima fila ci sarebbero gli emiri del Qatar, pronti a rilevare una partecipazione nei rossoneri (in fondo hanno già in portafoglio il Paris Saint Germain di Carlo Ancelotti) e a diventare partner della pay-tv attraverso il loro canale Al Jazeera. Per quanto riguardo Mediaset Premium – ha gettato acqua sul fuoco Giordani – al momento «ci sono contatti, ma non negoziati».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa