Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mediaset, il più pagato è Adreani

Nella relazione sulla remunerazione 2016 di Mediaset comparirà un nuovo consigliere di nomina Vivendi. Ma nell’attesa che si compia la beata speranza e venga il salvatore Vincent Bolloré, con lo scambio di quote tra Mediaset e Vivendi e l’acquisizione, da parte del gruppo francese, di Mediaset Premium, ci si deve accontentare delle remunerazioni 2015.

Dove, come al solito, trionfano il presidente del Biscione Fedele Confalonieri e l’uomo della pubblicità Giuliano Adreani.

Nel 2015, come nel 2014, è proprio Adreani il manager più pagato del gruppo, con i suoi 3.786.608 euro di remunerazione, in leggera flessione, -4,2%, sui 3,9 mln del 2014. Nonostante non sia più dipendente del gruppo e abbia abbandonato le cariche di amministratore delegato sia di Mediaset, sia di Publitalia, Adreani è comunque presidente delle concessionarie Publitalia, Digitalia e Mediamond. Per la carica in Publitalia ha incassato 1,7 milioni, cui sommare 200 mila euro per quella in Digitalia, e poi 166 mila euro come a.d. di Mediaset fino al 29 aprile 2015 e 75 mila euro come consigliere di amministrazione di Mediaset España. A tutto ciò va aggiunto un premio una tantum di 1,5 milioni.

Non fa grossi sacrifici neppure Confalonieri: 3.584.650 euro nel 2015, in calo di appena il 2,6% sul 2014. La sua retribuzione fissa è pari a 2.988.430 euro, cui sommare 400 mila euro annui per il patto di non concorrenza e 75 mila da consigliere Mediaset España.

Sul terzo gradino del podio dei più ricchi del Biscione sale Stefano Sala, a.d. di Publitalia e di Digitalia, e vicepresidente di Mediamond: a lui, nel 2015, sono andati complessivamente 2.223.366 euro, di cui 1,5 milioni di compenso fisso, 200 mila euro per il patto di non concorrenza, e 460 mila euro di compenso variabile legato ai risultati pubblicitari.

Sono invece gli altri manager strategici, quelli che restano fuori dal podio, ad aver subito i tagli più incisivi negli ultimi tempi.
Basti pensare che, ad esempio, Mauro Crippa (direttore generale informazione Rti) ha visto la sua retribuzione calare di circa un terzo tra il 2013 e il 2015; di circa un quarto sia Piersilvio Berlusconi (amministratore delegato Mediaset), sia Gina Nieri (direttore affari istituzionali Mediaset e vicepresidente Rti); del 15% sia Marco Giordani (cfo Mediaset, a.d. Rti, presidente Mediaset Premium e Mediamond), sia Niccolò Querci (direttore risorse umane Mediaset, vicepresidente Rti e Publitalia).

Piersilvio Berlusconi, nel 2015, si ferma a 1,4 mln (-17% sul 2014), Giordani a 1,1 mln (-1% sul 2014), così come Querci (stabile sul 2014). La retribuzione di Giordani è composta da 731.334 euro fissi, cui sommare 100 mila per il patto di non concorrenza, 75 mila come consigliere di Mediaset España e un premio una tantum di 150 mila euro; Querci, invece, ha 826.466 euro fissi, e poi 100 mila per il patto di non concorrenza e 150 mila una tantum.

Nieri, infine, scende a 948 mila euro (-15% sul 2014), con 788.929 euro fissi e 100 mila di patto di non concorrenza, e Crippa a 824 mila euro (-14,6%), con 678.197 fissi e 100 mila di non concorrenza.

Claudio Plazzotta

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa