Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

May ottiene la fiducia ma il Regno Unito sprofonda nel caos

Theresa May è sopravvissuta al voto di fiducia. I parlamentari britannici ieri sera hanno respinto la mozione di sfiducia presentata dall’opposizione laburista – la prima da 24 anni – e hanno sostenuto il Governo con 325 voti a favore e 306 contro, un margine di 19 voti.
I deputati conservatori, che 24 ore prima avevano contribuito a infliggere la peggiore sconfitta nella storia del Parlamento britannico, questa volta hanno votato compatti a favore del Governo per evitare la possibilità di elezioni anticipate e di una possibile vittoria laburista. Anche gli oltranzisti del Dup nordirlandese, che martedì avevano votato contro l’accordo su Brexit della May, ieri hanno sostenuto la premier.
Aperto e chiuso rapidamente questo capitolo, i riflettori tornano a puntarsi sul problema principale: due anni e mezzo dopo il referendum sull’uscita dall’Unione Europea e a poche settimane dalla data ufficiale di Brexit, non è ancora chiaro come, quando e se la Gran Bretagna lascerà la Ue.
La May ha fatto sapere ieri che, nonostante la bocciatura per 432 voti contro 202, non intende abbandonare l’accordo concordato con la Ue e non intende chiedere un rinvio dell’uscita oltre la data prevista del 29 marzo.
Il Governo ha tempo fino a lunedì per presentare un piano alternativo al Parlamento. Nei prossimi giorni la May intende avviare colloqui con i leader dei maggiori partiti per cercare di trovare un compromesso accettabile, ma la strada sembra tutta in salita, data la sua scarsa disponibilità a trattare e il no deciso di Bruxelles a ulteriori concessioni.
Il leader laburista Jeremy Corbyn ieri ha invitato il “Governo zombie” a dimettersi dopo la bocciatura dell’accordo su Brexit, che ha definito «una sconfitta storica e umiliante». La May ha risposto che le elezioni anticipate favorite dall’opposizione «non sono nell’interesse del Paese e porterebbero il caos mentre abbiamo bisogno di certezze».
Le certezze mancano. «Sosterremo un accordo che riunisce il Paese, tutela i posti di lavoro e sostiene l’economia», ha detto ieri il cancelliere-ombra John McDonnell. Il partito laburista chiede che la Gran Bretagna resti in un’unione doganale permanente con la Ue, abbia stretti legami con il mercato unico e mantenga gli stessi livelli di tutela dei lavoratori e dell’ambiente. Finora la May si è detta disponibile a trattare solo sull’ultimo punto.
Se non ci saranno concessioni di sostanza da parte della premier, la strategia del partito laburista è di continuare a indire voti di fiducia, secondo quanto dichiarato ieri da Barry Gardiner, ministro del Commercio-ombra, nella convinzione che prima o poi abbastanza deputati conservatori delusi voteranno contro – il Governo non ha una maggioranza in Parlamento, quindi basterebbero poche defezioni per alterare gli equilibri.
Questa strategia è in sintonia con la linea di Corbyn di puntare tutto sulle elezioni, ma il partito è spaccato e oltre 70 deputati hanno detto ieri che vorrebbero che il leader si schierasse in modo netto a favore di un secondo referendum.
Altrettanto diviso il partito conservatore, tra i pochi che sostengono la linea May, il drappello di oltranzisti che vuole un “no deal”, l’uscita dalla Ue senza accordo, una parte che sostiene l’opzione Efta o Norvegia Plus e alcuni ribelli favorevoli a un secondo referendum. Perfino Nigel Farage, fondatore di Ukip e primo sostenitore di Brexit, ieri ha dichiarato di temere che ormai un rinvio dell’uscita e un secondo referendum siano inevitabili.
Se il piano B che la May presenterà lunedì non sbloccherà l’impasse, molti chiederanno che la palla passi al Parlamento, cioè che sia concesso ai deputati votare le varie opzioni sul tavolo – da “no deal” a Efta a secondo referendum – per verificare se esiste una maggioranza a Westminster per una soluzione concreta. Fino ad allora, come ha sottolineato la May, «sappiamo cosa il Parlamento non vuole, ma non sappiamo cosa vuole».

Nicol Degli Innocenti

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’assemblea della Popolare di Sondrio, convocata l’11 maggio, avrà per la prima volta in 150 an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo mesi di battaglia legale e mediatica, Veolia e Suez annunciano di aver raggiunto un accordo per...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La sfida all’ultimo chip tra Stati Uniti e Cina sta creando un «nuovo ordine mondiale dei semicon...

Oggi sulla stampa