Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il maxi-aumento Unicredit chiuso al 100%

Sono bastati pochi minuti ieri in Borsa per rastrellare quei pochi diritti rimasti inoptati — 1,4 milioni circa di pezzi per un controvalore di 15 milioni di euro — per chiudere definitivamente l’aumento di capitale di Unicredit da complessivi 13 miliardi di euro. Sul mercato era un risultato pressoché scontato: si trattava in sostanza di frazioni di capitale che per motivi tecnici non era stato possibile presentare all’aumento. Adesso i diritti inoptati dovranno essere esercitati, a pena di decadenza, entro il 2 marzo. La sostanza del risultato ottenuto lo scorso giovedì in ogni caso non cambia: la fase di offerta in opzione ai soci della maxi ricapitalizzazione — la maggiore mai varata da una banca italiana — si era conclusa con un’adesione del 99,8% per 12,96 miliardi di euro di controvalore. Post-aumento i coefficienti patrimoniali di Unicredit — scesi temporaneamente attorno all’8% dopo 12,2 miliardi di rettifiche legate alla cessione di 17,7 miliardi di euro di crediti in sofferenza — torneranno a livelli adeguati per una banca sistemica: saranno da subito pari all’11,15% (come indice Cet1) per arrivare al 12% contando anche le cessioni di Pioneer e Bank Pekao. L’obiettivo del ceo Jean Pierre Mustier, è di un Cet1 superiore al 12,5% al 2019. Ieri la Borsa ha premiato Unicredit con un rialzo del 2,47% a 12,46 euro. Intanto continuano a venire allo scoperto i soci, in particolare le Fondazioni che hanno subìto un arretramento nel capitale. La Fondazione Manodori ha reso noto ieri di avere seguito solo parzialmente l’aumento, diluendosi dallo 0,32% allo 0,18% (4 milioni di titoli). L’ente in una nota ha sottolineato di rispettare il protocollo Acri -Tesoro secondo cui l’investimento delle fondazioni in un solo titolo deve essere inferiore ad un terzo del patrimonio dell’ente.

Fabrizio Massaro

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo il via libera della Commissione europea al Recovery Plan italiano arriverà un decreto legge su...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il decreto «sostegni-bis» che il governo punta ad approvare entro la fine del mese parte con una p...

Oggi sulla stampa