Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mattone di stato vendesi online

Mattone di stato in vendita on-line. È operativa da ieri la piattaforma digitale attraverso la quale l’Agenzia del demanio gestirà le gare pubbliche per la dismissione o la locazione di immobili nazionali, come previsto già dalla Finanziaria 2005 (legge n. 311/2004). Il sito, raggiungibile all’indirizzo http://demanio.asteimmobili.it, ospita per ora una quindicina di annunci.

Per ognuno è possibile visionare fotografie, informazioni tecniche, dati catastali, descrizione e prezzo di partenza dell’asta. Per partecipare alle gare, privati cittadini, imprese, società immobiliari e fondi di investimento dovranno registrarsi al sito e sottoscrivere tutta la documentazione con firma digitale. Le offerte andranno presentate tramite una «busta» telematica che dovrà contenere l’importo, un’autocertificazione accompagnata da una fotocopia del documento di identità e copia dell’avvenuta costituzione della cauzione provvisoria a garanzia dell’offerta. Quest’ultima, pari al 5% della base d’asta, potrà essere perfezionata tramite deposito in contanti presso la Tesoreria provinciale dello stato, fideiussione bancaria o polizza assicurativa. Attraverso il portale i soggetti interessati potranno seguire in tempo reale le fasi di apertura delle «buste» e partecipare a una eventuale successiva fase di vera e propria asta elettronica. Ogni partecipante, infatti, può effettuare rilanci sul prezzo (con un taglio minimo di 1.000 euro) fino allo scadere del tempo stabilito, come avviene nei più famosi siti di aste on-line. Il sistema offre anche la possibilità di contattare i funzionari del Demanio tramite messaggistica istantanea e chat, rendendo in questo modo più agevoli e immediate le comunicazioni. «Questo strumento digitale ha l’obiettivo di semplificare le modalità di gestione delle aste, di renderle più trasparenti ed efficaci e di ampliare le possibilità di partecipazione a un pubblico italiano e internazionale», spiega l’Agenzia in una nota. Per la prima tornata di immobili, in vendita da ieri, è già possibile presentare le offerte. I prezzi? Si va da un minimo di 422 mila euro per un terreno di 3.300 mq a Cavallino Treporti, comune della laguna veneta, a un massimo ai 1 milione e 850 mila euro per un compendio industriale di oltre 8 mila mq, sempre nel capoluogo veneziano. L’apertura delle «buste» avverrà il 21 gennaio 2013 alle ore 11. L’asta elettronica, invece, si terrà il 24 gennaio dalle 11 alle 12. Questo meccanismo differito consente di ammettere all’asta solo gli offerenti che hanno presentato correttamente l’offerta e fornito tutta la documentazione e le garanzie richieste dalla legge. Presto, però, potrebbero arrivare nuovi cespiti. Sebbene sia stato lanciato come progetto pilota per gli immobili statali, precisa il Demanio, «il sistema è predisposto per ospitare anche le procedure di vendita e di locazione dei beni delle altre amministrazioni» ed è quindi verosimile che il sito proporrà pure i beni di altri enti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L'acquisto della banca senese potrebbe permettere al gruppo milanese di ridurre la distanza dal lead...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni l’attenzione dei commentatori politici è stata focalizzata sulle modalità di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo Conte bis è entrato in crisi proprio quando alcuni dossier economici di capitale importa...

Oggi sulla stampa