Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mastercard, i pagamenti e la rivoluzione digitale «Italiani sempre più smart»

La rivoluzione tecnologica prosegue a ritmi serrati anche per i pagamenti digitali. E avrà un ruolo sempre più fondamentale per aiutare l’economia del Paese a ripartire. Numerosi sono stati i cambiamenti in quest’anno e mezzo di pandemia, soprattutto per quanto riguarda la tecnologia. L’utilizzo del contante è sceso del 4% a favore dei pagamenti digitali. A questo e ad altri temi sarà dedicato l’Innovation forum di Mastecard dal titolo «Restart with passion and purpose» che si terrà oggi e al quale parteciperanno tra gli altri il ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani, Mariangela Marseglia, vice president e country manager di Amazon Italia, Nicolò Ubertalli, head of Italy Unicredit, Stefano Barrese, responsabile Banca dei Territori Intesa San Paolo, Oscar Farinetti, fondatore di Eataly e Greenpea, ed Elena Goitini, ad di Bnl e responsabile di Bnp Paribas in Italia.

«Abbiamo rilevato dal nostro Osservatorio Mastercard che il 77% di coloro che hanno sperimentato le novità tecnologiche della pubblica amministrazione come Spid e Green Pass non tornerebbe indietro per nessun motivo. Questo ci conferma quanto i cittadini stanno diventando più smart. In questi ultimi mesi sono stati tre milioni i nuovi utenti di carte di credito e oltre 200mila i nuovi merchant che hanno attivato piattaforme di e-commerce, soprattutto nel settore della moda e dell’abbigliamento per cui rimane comunque importante anche il negozio fisico ma è sempre maggiore l’intersezione tra i due canali, un trend dal quale non si torna indietro», racconta Michele Centemero, country manager Mastercard Italia — presente oggi all’evento — che evidenzia inoltre che è importantissimo fare in modo che i pagamenti siano il più sicuri e veloci possibile attraverso la cybersecurity, l’intelligenza artificiale e il ricorso al riconoscimento biometrico.

Un altro capitolo importante per Mastercard è quello della sostenibilità. «Siamo stati i primi a proporre una carta di legno, insieme a Flowe-Banca Mediolanum, abbiamo sviluppato un app “carbon calculator”, un sistema di calcolo del consumo di anidride carbonica per ogni nostro acquisto e doniamo un contributo per piantare 100 milioni di alberi in cinque anni in collaborazione con Eataly e Greenpea. Azioni concrete che ci consentiranno di raggiungere entro l’anno il nostro obiettivo di impatto zero a livello climatico», continua Centemero.

L’inclusione finanziaria, la parità di genere e di remunerazione sono altri punti cruciali su cui si sta concentrando la strategia di Mastercard che si sta sforzando in ogni modo di aumentare sempre di più la capillarità dei pagamenti digitali perché è ancora vasta la platea di coloro che utilizzano i contanti come unico metodo di pagamento. «Si tratta di una mentalità che va cambiata. E noi ci stiamo impegnando con iniziative come per esempio il Mastercard travel reward che garantisce sconti importanti ai turisti che possiedono le nostre carte in determinati negozi. Nei prossimi anni ci aspettiamo una sempre maggiore adozione del contactless. Basta pensare che in media i clienti delle banche digitali più evolute fanno 25% delle transazioni nei luoghi di acquisto fisici con il mobile», spiega il numero uno italiano.

Poi ci sono i trasporti, che sono altri approdi importanti della rivoluzione digitale in atto che saranno al centro dell’evento a cui prenderanno parte anche Ajay Banga, executive chairman Mastercard board of directors, Eimear Creaven, division president Mastercard per l’Europa occidentale, Emilio Baccalini, presidente cda Taxiblu e presidente cda Apptaxi, Mauro Pastore, direttore generale Iccrea Banca, Cristina Fogazzi, l’Estetica cinica, imprenditrice digitale, Marina Brogi, professore ordinario di International banking della Sapienza di Roma, Giuliano Cazzola, economista, il giornalista Giovanni Floris, Pietro Senaldi, condirettore Libero, e Emanuela Bertuzzi, avvocato e consulente legale Aduc.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa