Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Marketing diretto più facile

L’attività promozionale costituisce un legittimo interesse dell’imprenditore, che deve comunque rispettare le norme a protezione dei dati (dall’informativa al diritto di opposizione degli interessati e alle misure di sicurezza). Il bilanciamento degli interessi è opera del regolamento europeo sulla protezione dei dati (n. 679/2016), entrato in vigore il 24 maggio 2016, ma operativo dal 25 maggio 2018.

Il regolamento fissa una nuova griglia di condizioni di legittimità del trattamento. Oltre al consenso e ai casi in cui il trattamento è direttamente previsto da una norma, il regolamento in esame prevede che il legittimo interesse del titolare del trattamento sia condizione sufficiente a giustificare il trattamento. Il regolamento non fornisce un elenco tassativo dei casi di legittimo interesse, anche se dà alcuni esempi. Tra questi casi è indicato il marketing diretto.

Per avere una indicazione sul concetto di legittimo interesse e altri esempi una fonte autorevole è il parere n. 6 del Gruppo europeo di Lavoro Privacy denominato «articolo 29».

Rispetto all’ordinamento italiano la novità del regolamento europeo riguarda in particolare il marketing postale e quello realizzato attraverso utenze non registrate negli elenchi (per queste ultime vale già il regime dell’opt out tramite il registro delle opposizioni).

Ma cerchiamo di approfondire l’argomento.

L’articolo 6 del regolamento europeo prevede che il trattamento dei dati è lecito, tra altre ipotesi, quando è necessario per il perseguimento del legittimo interesse del titolare del trattamento o di terzi, a condizione che non prevalgano gli interessi o i diritti e le libertà fondamentali dell’interessato che richiedono la protezione dei dati personali, in particolare se l’interessato è un minore.

La norma è spiegata dal considerando n. 47 (premesso all’articolato).

Due le esemplificazioni delle premesse al regolamento: costituisce legittimo interesse trattare dati personali strettamente necessari a fini di prevenzione delle frodi; infine può essere considerato legittimo interesse trattare dati personali per finalità di marketing diretto.

Tuttavia l’esonero dal consenso non è un lasciapassare incondizionato. Il regolamento prevede, infatti, che, qualora i dati personali siano trattati per finalità di marketing diretto, l’interessato ha il diritto, in qualsiasi momento e gratuitamente, di opporsi a tale trattamento, sia con riguardo a quello iniziale o ulteriore, compresa la profilazione nella misura in cui sia connessa a tale marketing diretto.

Antonio Ciccia Messina

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa