Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Marcegaglia: il governo acceleri sulle riforme

di Nicoletta Picchio

Un'accelerazione sulle riforme: semplificazioni, liberalizzazioni, oltre a «scelte forti» su ricerca e innovazione. E una riforma fiscale. «La situazione economica è ancora complessa, ci sono molte cose fondamentali da fare per tornare a crescere e assorbire la disoccupazione creata in questi ultimi due anni». Insiste sulla crescita Emma Marcegaglia, nell'intervista andata in onda ieri sera, durante la trasmissione Ballarò, condotta da Giovanni Floris. E incalza la politica: «È molto importante che ora ci si occupi dei fatti veri, che interessano alla gente e si vari un piano di riforme di medio termine che possa ridare fiducia ai cittadini. Bisogna abbassare i toni, smettere di litigare». Con una premessa: «La stabilità ovviamente aiuta, perché vuol dire meno rischi sui mercati finanziari, aspettative migliori per imprese e famiglie. Però non è sufficiente: serve se è la premessa per portare avanti un piano lungimirante di crescita, benessere, creazione di posti di lavoro».

Ma al governo la presidente di Confindustria chiede anche di «prendere una posizione» sulla Libia: «Le scene che vediamo di centinaia di morti ci preoccupano molto, chiediamo che l'esecutivo prenda una posizione per far cessare questo genocidio, anche a tutela delle imprese». Le cifre del business sono consistenti: esportiamo in Libia, ha detto la Marcegaglia, circa 2 miliardi e mezzo di euro ed importiamo circa 10 miliardi, il 24% del petrolio e il 12% del gas italiani, e ci sono molte imprese che lavorano in Libia. Il settore metalmeccanico in particolare, come ha detto ieri Federmeccanica, esporta in Libia beni per un miliardo di euro, lo 0,7% dell'export del settore.

Le preoccupazioni non mancano: «Se aumenta di 10 dollari il prezzo del petrolio abbiamo un costo aggiuntivo di 3 miliardi. Per il momento le forniture di gas e petrolio non destano preoccupazioni». La Marcegaglia racconta di aver conosciuto Gheddafi quando venne in Confindustria, a parlare delle possibilità per le imprese italiane in Libia: «Ha fatto un discorso economico, mi è sembrata una persona molto sicura di sè».

Di fronte alle incertezze internazionali, ancora di più bisogna lavorare perché l'Italia riprenda a crescere. Bene la riforma dell'articolo 41 della Costituzione, ma avrà un impatto nel lungo periodo. Quindi bisogna approvare al più presto il pacchetto di semplificazioni Brunetta-Calderoli, liberalizzare: «Abbiamo 4.800 aziende di servizi pubblici locali, di queste quattro quinti sono in perdita». E poi il fisco. Domani il direttivo di Confindustria esaminerà le linee guida di una riforma, tra cui rendere stabile la tassazione al 10% del salario di produttività. «Serve una riforma fiscale generalizzata, che riduca le tasse su imprese e lavoratori». Quanto al federalismo, «l'Imu al posto dell'Ici sta portando ad un aumento della tassazione sulle imprese». Bene la riforma, se però ha due caratteristiche, secondo la presidente di Confindustria: «abbassare la spesa pubblica improduttiva, gli sprechi, e se avvicina chi governa a chi deve giudicare con il voto. Se non ci sono queste caratteristiche non serve».

Non poteva mancare una domanda sulle vicende giudiziare che riguardano il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi: «C'è un'indagine in corso, aspettiamo che vada avanti. Ovviamente c'è un tema di orgoglio nazionale. Per chi fa impresa, ma per tutti, l'immagine internazionale è importante». Quanto al governo, «è stato eletto democraticamente, sarà giudicato per quello che farà». Infine, i 150 anni d'Italia: «Siamo a favore delle celebrazioni, è la nostra storia. Però sarebbe meglio festeggiare lavorando e insegnando a scuola i valori dell'unità».

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Nel settore degli affitti brevi ha conosciuto un successo travolgente l’utilizzo delle piattaforme...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tassi a zero, caccia ai dividendi. Dopo le mosse della Bce e della Fed è chiaro a tutti che i tassi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Che cosa faccio se mi trovo per le mani mille o 50 mila euro nell’era dei rendimenti sottozero? Di...

Oggi sulla stampa