Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Manovra, più detrazioni per i figli a carico Per gli assenteisti pagherà tutto l’ufficio

Sale a 4 mila euro la soglia di reddito sotto la quale i familiari più stretti possono essere considerati fiscalmente a carico dei contribuenti, ma cambia la webtax, si consente alle Poste di competere nella consegna dei piccoli pacchi, e si allenta il giro di vite appena imposto sulla vendita delle sigarette elettroniche. In attesa del maxi emendamento del governo che “chiuderà” definitivamente il testo, la manovra 2018 continua ad essere rimaneggiata dalla Commissione Bilancio della Camera. Mentre emergono altri dettagli dalla bozza del nuovo contratto di lavoro degli statali, con un nuovo giro di vite contro l’assenteismo.

Se le assenze dal lavoro in un ufficio pubblico superano una certa media, si legge nella bozza anticipata dall’Ansa, sono previste «significative riduzioni delle risorse» premiali per tutti i componenti dell’Ufficio.

Alla Camera, intanto, i lavori sulla manovra procedono a rilento e l’arrivo della legge in Aula slitterà a domani.La novità più importante di ieri è l’innalzamento della soglia di reddito per i familiari a carico. Oggi coniugi, genitori e figli possono essere considerati a carico dai contribuenti, per ottenere le relative detrazioni fiscali, solo se hanno un reddito annuo lordo non superiore a 2.840 euro. Soglia che dal prossimo anno salirà a circa 4 mila euro lordi, grazie all’intesa nella maggioranza tra Pd e Ap (ciascuno dei quali, tuttavia, rivendica l’operazione come proprio merito).

La webtax uscita dal Senato viene praticamente riscritta da un emendamento del relatore alla Camera, Francesco Boccia. L’aliquota passa dal 6 al 3% e l’imposta riguarderà tutte le prestazioni di servizi effettuate per via telematica. Non c’è più il meccanismo del credito di imposta per tutelare le imprese italiane, ma c’è un’esenzione per le piccole e medie imprese (che svolgono meno di 3 mila transazioni l’anno). Il commercio elettronico resta escluso, ma la base imponibile si amplia, salendo a circa 6 miliardi di euro, e così il gettito. Dai 115 milioni di gettito stimato per la prima versione, si sale a 190 milioni di euro. Sempre Boccia ha presentato un emendamento che consentirebbe alle Poste di operare nella consegna dei pacchi fino a 5 chili, e dunque «di raccogliere la sfida dell’e-commerce» ha detto Boccia.

Si alleggerisce, ma le imprese del settore restano insoddisfatte, la stretta sulla vendita delle sigarette elettroniche. I siti online, che non potranno più vendere i liquidi di ricarica potranno commercializzare i dispositivi, le e-cig vere e proprie. I produttori aderenti a Confindustria, che lamentano il livello delle imposte, oltre ai vincoli commerciali, annunciano che continueranno la loro battaglia per vie legali.

L’ultimo capitolo spinoso da affrontare in Commissione è quello del lavoro, con parte della maggioranza pronta a ridurre da 3 a 2 anni la durata massima dei contratti a tempo determinato, e da 5 a 3 i possibili rinnovi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al bivio tra un’iniezione di "italianità", che potrebbe coincidere con l’acquisizione di Mps o...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Cronaca di un addio a lungo annunciato, ma non per questo meno traumatico (-4,96% il titolo in Borsa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Estrema cautela». È questo allo stato dell’arte l’approccio di Cdp e dei fondi, Blackstone e...

Oggi sulla stampa