Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Manager autonomi Un segnale al mercato»

di Sergio Bocconi

MILANO — «Questa mattina in consiglio ho chiesto che il punto all’ordine del giorno "comunicazioni del presidente"venisse considerato per ultimo. Così, al termine dei lavori, ho informato il board della mia decisione: rinuncio a tutti i poteri esecutivi che condividevo con l’amministratore delegato e che peraltro finora ho esercitato solo in modo molto limitato» . Jonella Ligresti resta presidente di Fonsai ma da oggi avrà il classico ruolo di chairman all’americana: rappresenta la compagnia, affianca il management ma senza intervenire nella gestione. Le ragioni? «Come ho detto in consiglio: dare al "signor mercato"un segnale di forte autonomia del management. Il mercato ne ha bisogno e io penso di aver dato così il mio contributo» . Quali deleghe aveva? «Le stesse dell’amministratore delegato. Ma le ho esercitate solo quando ho dovuto farlo. Per esempio nel firmare i patti di sindacato, ma sempre in accordo con il management» . Lascia il consiglio di Mediobanca? «No, non ne vedo il motivo» . Perché pensa sia necessario un segnale di autonomia del management? «Per cancellare ogni dubbio su influenze della famiglia nella gestione» . Il mercato di dubbi sul tema ne ha coltivati parecchi. «Fondiaria è invece sempre stata autonoma. Con il mio passo l’autonomia del management diventa anche ufficiale, formale se preferisce» . Quando ha preso la decisione? «Questa notte» . Chi è stato il primo a saperlo? «L’ho detto al mio papà» . Reazione? «Ha apprezzato il mio senso di responsabilità» . E quale reazione si aspetta dal «signor mercato» ? «Spero apprezzi» . Ha condiviso il passo con i suoi fratelli? «Non ce ne è stato il tempo» . E Giulia farà la stessa cosa in Premafin? «No, è la holding di famiglia» . La sua decisione è stata «sollecitata» dall’Isvap, che ha fatto rilievi anche su governance e operazioni con parti correlate? «No, è stata una decisione presa in totale autonomia. Seguendo invece le indicazioni dell’Isvap sulla catena di controllo io e mio fratello Paolo lasceremo la vicepresidenza di Premafin» . Non ci sono stati «consigli» in tal senso da parte di Unicredit, oggi secondo socio di Fonsai con il 6,6%? «Assolutamente no» . Perché non ha lasciato la presidenza? «Perché ho tutti i requisiti per continuare a ricoprire la carica. E ho ricevuto sufficienti apprezzamenti in azienda per decidere di non lasciarla» . Ma d’ora in poi quale sarà il suo ruolo in azienda? «Quello che di fatto è sempre stato: di supporto al management» . È un passo indietro della famiglia? «No, la famiglia resta ed è presente nel gruppo con le sue competenze, a fianco del management che abbiamo scelto e che lavora in piena autonomia per il rilancio della compagnia» . Avete scelto voi il nuovo team o l’ha fatto Unicredit? «Se pensa che abbia scelto Unicredit perché Piergiorgio Peluso e Gianandrea Perco vengono da Unicredit si sbaglia: ho conosciuto Peluso quando ero nel consiglio di Capitalia e lui lavorava con Matteo Arpe. Ho avuto modo di apprezzarne la professionalità. Abbiamo fatto una selezione e abbiamo scelto lui. E siamo molto soddisfatti di questa scelta: con l’amministratore delegato Emanuele Erbetta e gli altri manager hanno costituito un team molto affiatato e motivato» . La famiglia resterà o venderà? «Vogliamo restare con il management per riportare la compagnia ai livelli di eccellenza che ha avuto e che merita. Mio padre ha comprato la Sai vent’anni fa e Fondiaria dieci anni fa per tenerle. L’idea di base è nel segno della continuità» . Prima l’accordo con Groupama, poi con Unicredit: avreste preferito l’intesa con i francesi? «L’opzione con Groupama si è rivelata inattuabile. Abbiamo accettato con convinzione la proposta di Unicredit. E siamo molto soddisfatti dell’accordo raggiunto» . Restano sempre 2 miliardi di debiti. «È fuori di dubbio che anche a questo penserà il management» .

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Torna l’incubo della crescita sotto zero, con l’Europa che teme di impiantarsi nuovamente nel qu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il chief executive officer uscente di Ubs, il ticinese Sergio Ermotti, saluta la banca con cifre del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le quotazioni di Borsa di Mediobanca a ottobre si sono attestate a 6,88 euro di media con scambi gio...

Oggi sulla stampa