Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

“Ma gli investimenti reali saranno molti meno”

«È totalmente irrealistico il rapporto di uno a quindici indicato come leverage. Nelle condizioni attuali questo ratio non può essere superiore, se va bene, a uno a cinque». Guntram Wolff, economista dell’università di Bonn, già consulente dell’Fmi e dal 2013 direttore del Bruegel Institute di Bruxelles, gela sul nascere qualsiasi eventuale entusiasmo sul piano Juncker. «Basare un progetto così ambizioso e di tale visibilità sul meccanismo delle “leve” finanziarie senza offrire a supporto alcuna certezza, mi sembra quasi disonesto. Diciamo la verità: è un esercizio da laboratorio, tutt’al più un’ipotesi di lavoro».
Perché escludere che i privati si inseriscano nell’iniziativa con i loro capitali, la famosa “leva”, e inneschino un circuito virtuoso di investimenti?
«Sarei il primo a esserne felice perché sono convinto che l’Europa abbia bisogno di una politica di espansione. Ma nelle condizioni attuali è difficile che i privati si gettino in massa nella costruzione di infrastrutture che dovrebbero sostenere un’economia stagnante, a fronte di garanzie così indefinite e comunque insufficienti. C’è il pericolo di costruire autostrade dove nessuno passa, e allora chi ripaga l’impegno? Nei periodi di crescita gli investimenti arrivano ugualmente, in recessione sono difficili qualsiasi sia il progetto di appoggio chiamato a sostenerli. E qui il progetto è debolissimo. Non basta garantire contro la “first loss” come dice Juncker, perché oltre alla prima perdita rischia di esserci la seconda, e la terza…» Però se smantelliamo il principio della “leva” abbiamo finito di parlare: su di esso, cioè sull’adesione dei privati, si basa l’intero progetto. Vuol dire che non se ne farà niente?
«Diciamo che si ridurranno i costi di alcuni investimenti, e qualche sporadico caso di convenienza ci sarà. Però, come dicevo, al massimo si moltiplicherà per cinque la cifra sul tappeto, i 20 miliardi di contributo Ue. Fanno 100 miliardi e non 300 e più come si dice, e 100 miliardi sono pochi per battere una crisi come l’attuale. Senza contare che prevedo dissidi a non finire per l’attribuzione dei fondi visto che negli uffici della commissione sono arrivati progetti per mille miliardi e oltre. Ma c’è ancora un altro punto debole, anch’esso importantissimo: non è chiaro a quale livello avverrebbe lo “sgravio” dai calcoli del deficit e del debito: quando uno Stato contribuisce al fondo? Quando in virtù del fondo si avvia qualche pro- getto? Oppure solo quando si concedono le garanzie?» Se è per questo, a proposito del nuovo “veicolo” finanziario, appunto il fondo per gli interventi, non è stato neanche chiarito il termine di volontarietà per il contributo ad esso…
«Già. E c’è un paradosso: gli Stati possono rinunciare a determinati fondi strutturali non ancora erogati, per “girarli” al nuovo fondo. Senza però la certezza che poi il fondo stesso investirà nel loro Paese. Chi oserà sfidare gli euroscettici aderendo a un’operazione così potenzialmente autolesionista?»
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa