Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ma chi controlla le società? Consob chiede la legge

Chi controlla davvero una società quotata? Che cos’è l’influenza dominante? Come si evidenzia il controllo di diritto e di fatto su un gruppo? Che margini interpretativi esistono per le autorità? Non sono domande da poco. Le risposte non sono univoche. E le norme, almeno a giudizio degli esperti della Consob, non appaiono più adatte ai tempi né alla normativa europea. 
Sulla base del concetto di controllo e influenza dominante del codice civile (art. 2359) e del testo unico della finanza (art. 93) si è mossa negli anni l’Authority di controllo sulla Borsa intervenendo e sanzionando le società sotto esame, ordinando un’Opa, chiedendo più informazioni o prendendo decisioni che talvolta hanno cambiato il corso di un’operazione straordinaria. I casi sono stati clamorosi: la catena Pirelli-Olimpia-Telecom Italia, la scalata alla Edison, la presa di controllo di Sai su Fondiaria.
Ora la Consob pubblica uno studio che avanza dubbi su come il concetto stesso è stato costruito, per gli ampi problemi interpretativi e applicativi emersi nella pratica, e per i contenziosi cui ha dato origine. Nei Quaderni Giuridici, gli esperti Giovanni Mollo e Dario Montesanto evidenziano sia l’evoluzione del concetto di controllo sia i vari aspetti sotto i quali esso può esercitarsi, che non sono solo il possesso azionario ma per esempio — secondo la linea della Consob — anche la capacità di influenzare e dirigere l’assemblea ordinaria, dove si decide la nomina degli organi amministrativi.
Ma il tema è tutt’altro che chiaro. Per questo motivo i due ricercatori — in un documento che non impegna direttamente l’Authority — suggeriscono al Parlamento di introdurre esplicitamente il principio cardine usato in questi anni dall’autorità di vigilanza: controlla la società chi ha il potere di nomina o revoca degli amministratori in assemblea, e chi determina, approvando il bilancio annuale, «un generale indirizzo della gestione». I dubbi comunque persistono: per quanto tempo (un anno, due anni) si deve gestire un’assemblea affinché si possa parlare di controllo? Un altro criterio potrebbe essere quello di rifarsi ai principi contabili internazionali (Ias/Ifrs). Ma poi andrebbero anche regolati due fenomeni tipici del sistema italiano, come i patti di sindacato o gli accordi tra soggetti senza una posizione di supremazia gli uni sugli altri.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo il via libera della Commissione europea al Recovery Plan italiano arriverà un decreto legge su...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il decreto «sostegni-bis» che il governo punta ad approvare entro la fine del mese parte con una p...

Oggi sulla stampa