Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Luxottica, il nuovo ad da Procter & Gamble

Leonardo Del Vecchio, presidente e maggiore azionista di Luxottica, ha finalmente individuato il nuovo ceo per l’area mercati che andrà a sostituire il dimissionario Enrico Cavatorta e verrà affiancato da Massimo Vian per la parte operations-prodotti. L’identikit del nuovo manager è trapelato in ambienti finanziari ma non il suo nome, che con molta probabilità verrà reso noto questa sera alla fine dello screening del Comitato risorse umane. L’uomo scelto da Del Vecchio attualmente ha un ruolo di primo piano alla Procter & Gamble con sede a Ginevra ed è a capo di un brand globale, non è italiano ma ha lavorato in Italia e quindi parla bene l’italiano. Il nome faceva parte di una short list preparata dal cacciatore di teste Egon Zhender che comprendeva anche John Galanctic della Chanel Usa, che in un primo tempo aveva già firmato un contratto ma poi si è tirato indietro.
Oggi dunque si dovrebbero scoprire le carte non prima però di alcuni passaggi formali che coinvolgeranno l’intero consiglio di amministrazione e in particolare il Comitato per le risorse umane che deve essere ricostituito dopo le dimissioni di Roger Abravanel. Il cda che si riunirà nel tardo pomeriggio affiderà dunque al Comitato il compito di esaminare la candidatura del manager selezionato da Del Vecchio insieme anche all’esame della buonuscita da riconoscere a Cavatorta dopo un mese da ad e parecchi anni passati nell’azienda, gli ultimi dei quali da direttore finanziario alle dipendenze di Andrea Guerra.
L’accelerazione è anche dovuta alla pressione da parte della Consob per fornire informazioni al mercato dopo il crollo del titolo del 13% dovuto alle improvvise dimissioni di Cavatorta per incomprensioni con Del Vecchio e con il suo assistente personale Francesco Milleri. Nelle ultime sedute sono però tornati gli acquisti sul titolo Luxottica, ieri risalito a quota 37,21 euro con un guadagno dello 0,79% grazie anche a diversi pareri positivi da parte delle case di brokeraggio. Il 29 ottobre, inoltre, verranno comunicati i dati trimestrali del gruppo che si annunciano molto buoni soprattutto per l’andamento favorevole del cambio eurodollaro che ha visto un rafforzamento della divisa americana. Per la fine del mese, infine, Del Vecchio conta di chiudere anche il riassetto famigliare nella holding Delfin con un aumento di capitale che attribuirà a lui il 25% della società mentre i sei figli verranno diluiti al 12,5% a testa ma con la contestuale rinuncia, da parte del fondatore, a una parte dei dividendi.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa