Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’ultimatum ad Atene «Dentro o fuori dall’euro»

di Luigi Offeddu

BRUXELLES — A notte fonda e in un luogo quasi surreale, il Palazzo dei Festival di Cannes, Francia e Germania presentano il loro conto alla Grecia, con l'assenso dell'Unione Europea: niente più aiuti, congelati anche i sospiratissimi 8 miliardi in arrivo a metà novembre, se il piano di riforme già concordato con l'Ue non sarà adottato in pieno, se a gennaio dovrà passare all'ulteriore vaglio di un referendum popolare come annunciato l'altro ieri dal premier George Papandreou, e se sarà bocciato.
Queste sono le decisioni prese nel drammatico pre-vertice convocato a Cannes poche ore prima dell'incontro del G20. Con un'ipotesi di compromesso: gli aiuti potranno sì arrivare ma soltanto dopo l'eventuale referendum ravvicinato in tempi brevi, la data proposta è il 4-5 dicembre, e naturalmente solo se vincerà il «sì»; un mesetto di rinvio, e con le casse dello Stato già vuote.
Non è solo rabbia, quella dell'Europa, per una mossa greca che è parsa rimettere in discussione gli accordi presi. È soprattutto paura, per le sorti di tutta l'Eurozona tenute in bilico dal suo Paese più indebitato. «Spero nel referendum per il 4 dicembre e ho fiducia nel sì», annuncia Papandreou. Ma la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Nicolas Sarkozy, che gli sono seduti di fronte, suonano su un altro spartito: «Noi vogliamo che la Grecia resti nell'euro». Aggiunge Sarkozy: «Dovete decidere voi se restare o no, ma se nel referendum vincerà il no sarete fuori. Siamo pronti ad aiutarvi, ma dovete rispettare gli impegni. Dovete fare chiarezza, alla chiarezza sono legati anche i prestiti». Chiude la cancelliera, gelida: «La nostra priorità è la stabilità dell'euro, con o senza la Grecia. Non lasceremo che l'euro sia distrutto». Come dire: se qualcuno ha voglia di una passeggiata nel bosco, la porta è aperta.
Quasi un duello, dunque, con le voci dell'emergenza. E l'emergenza c'è davvero. Perciò il vertice G20 che inizia oggi ha avuto nella notte questo prologo, perciò Papandreou — leader di un Paese che del G20 non fa parte — è stato lo stesso convocato d'urgenza (ma oggi saranno «a rapporto» anche due Paesi membri del G20, Italia e Spagna).
Merkel e Sarkozy hanno cercato di indurre Papandreou a cambiare l'oggetto del referendum: non più le riforme, ma la permanenza della Grecia nell'euro. Il premier greco sarebbe disponibile a un compromesso: un nodo centrale della consultazione, dice ora, sarà decidere se vogliamo o no restare nella moneta unica.
Intorno allo stesso tavolo con lui, siedono in 5: Merkel, Sarkozy, il capo della Commissione Europea José Manuel Barroso, il presidente del Consiglio Ue Herman van Rompuy, il direttore generale dell'Fmi Christine Lagarde. Come dire: tutti quelli che hanno in pugno, o in tasca, le chiavi della sopravvivenza greca. Lo sfondo è quello di un'Europa con il respiro corto: con un giornale austriaco che titola «Ora basta, fuori i greci dall'euro», o con Sarkozy che sibila «Papandreou ha colto di sorpresa tutta l'Ue». Ora l'incertezza è giunta al culmine, e tanto per cambiare l'Europa si divide: Germania, Austria, Olanda, Finlandia, Francia chiedono la linea dura contro Atene; altri — la Spagna e i Paesi dell'Est esclusa la Polonia, schierata con la Germania per mille concreti motivi — frenano, pensando che non sia opportuno «buttare il bambino con l'acqua calda», per dirla con una fonte diplomatica di Bruxelles; e cioè «sgozzare l'Eurozona e frantumare l'euro solo per bastonare la Grecia».
Ma non è detto che tutti la pensino così.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa