Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Lufthansa: in Alitalia, ma con lo «spezzatino»

FRANCOFORTE Una proposta di Lufthansa per Alitalia arriverebbe non prima di giugno 2020, sarebbe in un primo tempo commerciale e soltanto al verificarsi di alcune condizioni: una ristrutturazione significativa e un’ulteriore liquidità (pubblica) per far fronte alle spese extra indifferibili che per l’anno prossimo richiedono almeno un miliardo di euro. È quanto si apprende da quattro fonti governative e tedesche che sottolineano come i 400 milioni di euro di ulteriore prestito non basterebbero. Anche perché a fine novembre la cassa è scesa a 270 milioni (erano 315 milioni il mese prima).

«Per un futuro di lungo termine per Alitalia è importante avere la giusta ristrutturazione e il giusto partner», ha detto il presidente e ceo di Lufthansa, Carsten Spohr, ai giornalisti nel quartier generale a Francoforte. «Questa è la mia logica quando ho parlato con le autorità italiane. È anche importante ricordare che una non può andare senza l’altra».

All’interno dell’esecutivo Conte — spiegano le fonti — c’è una parte che tifa apertamente Lufthansa. Ma sia al premier, sia al ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli i vertici tedeschi hanno manifestato l’interesse soltanto per la parte «aviation» (trasporto passeggeri e cargo), non per i servizi di terra (3.400 dipendenti) e la manutenzione (1.300). Richiesta che costringerebbe il commissario Giuseppe Leogrande a lavorare allo spezzatino. Quanto alla flotta Lufthansa pensa che debba essere ridotta a 90 aerei (dagli attuali 113) da accompagnarsi a un taglio delle rotte in perdita.

Per il colosso di Francoforte i costi di Alitalia sono troppo alti, il modello di business non funziona e i partner non sono quelli giusti. Ecco quindi la «ricetta»: ristrutturazione, liquidità adeguata e alleanze. Più si abbattono i costi, più le rotte diventano profittevoli, meno esuberi ci saranno. Toccherà a Leogrande e ai sindacati decidere quanto deve essere grande il vettore tricolore. E soltanto in presenza di un’Alitalia in utile Lufthansa può pensare di investire in un secondo momento. A gestire il dossier dal fronte tedesco è Joerg Eberhart, presidente e ad della controllata Air Dolomiti che ha sede a Verona.

Cosa offrirebbe Lufthansa? L’adesione di Alitalia nel proprio programma di fedeltà tedesco, il codeshare sui voli tra i mercati di riferimento in Europa, l’ingresso nella joint venture transatlantica e in quelle asiatiche. Roma resterebbe hub, in particolare per le tratte verso il Sud America, l’Africa e il sud-est asiatico.

Oggi Patuanelli e Leogrande incontrano i sindacati per iniziare ad affrontare i nodi della «cura dimagrante». A partire dagli esuberi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’assemblea della Popolare di Sondrio, convocata l’11 maggio, avrà per la prima volta in 150 an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo mesi di battaglia legale e mediatica, Veolia e Suez annunciano di aver raggiunto un accordo per...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La sfida all’ultimo chip tra Stati Uniti e Cina sta creando un «nuovo ordine mondiale dei semicon...

Oggi sulla stampa