Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Ue: limiti ai viaggi. Ma i confini restano aperti

Le varianti del Covid-19 «preoccupano molto» l’Ue, dice la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che spiega che serve una nuova mappatura e saranno previste zone «rosso scuro» per le aree in cui la situazione epidemiologica è peggiore e per le quali sarà chiesta — ma saranno gli Stati a decidere — quarantena e test. Mentre il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, al termine della videoconferenza tra i leader Ue convocata per promuovere un approccio coordinato al Covid, indica i punti di intesa: frontiere interne aperte «a beneficio del mercato unico» ma «restrizioni per viaggi non essenziali»; necessità, più volte sottolineata anche dalla Commissione, di garantire un sequenziamento genomico dei test positivi al Covid, per il monitoraggio delle varianti.

È invece troppo presto per arrivare a un accordo sul certificato vaccinale come documento di viaggio proposto dalla Grecia, e sostenuto da Spagna e Malta. Restano i dubbi di molti, con in testa Francia, Germania e Olanda. Ma i leader Ue sono favorevoli a un documento per fini medici. La sanità è competenza esclusiva nazionale, per questo il coordinamento tra i governi Ue non è semplice.

Ieri il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ha alzato il livello di guardia nel suo ultimo report, in cui «valuta come molto alta la probabilità dell’introduzione e della diffusione nell’Ue e nello Spazio economico europeo di varianti di Sars-CoV-2 che destano preoccupazione». Per questo «raccomanda di evitare viaggi non essenziali». E invita gli Stati a «prepararsi a un rapido aumento del rigore nelle misure di risposta nelle prossime settimane per salvaguardare la capacità sanitaria e per accelerare le campagne di vaccinazione». Intanto, dopo un dibattito iniziato in dicembre, gli Stati Ue hanno finalmente approvato all’unanimità una raccomandazione — non vincolante —, fortemente sostenuta da Berlino, che stabilisce un quadro comune per il riconoscimento reciproco dei risultati dei test Covid in tutta l’Ue e sull’uso dei test rapidi antigenici. L’obiettivo è continuare a consentire gli spostamenti transfrontalieri per permettere il funzionamento del mercato unico. Al termine della video conferenza von der Leyen ha ribadito che l’Ue «è una zona epidemiologica unica» e dunque servono «misure mirate» perché la chiusura delle frontiere metterebbe «gravemente a repentaglio la nostra economia senza fermare il virus».

La cancelliera tedesca Angela Merkel in mattinata era arrivata a contemplare l’ipotesi di controlli alle frontiere ma solo come «ultima ratio», in caso di Paesi confinanti che non adottino misure adeguate di contenimento del virus e ha aperto ad «accordi sulla produzione e anche sull’uso» del vaccino russo Sputnik V «se sarà approvato dall’Ema» (l’Ungheria ha già dato semaforo verde). I leader Ue concordano sulla necessità di accelerare le vaccinazioni e appoggiano la proposta della Commissione di coprire il 70% della popolazione entro l’estate, ma serve che le aziende rispettino i tempi di consegna delle dosi in base agli impegni presi. Il presidente Michel ha ricordato che «i vaccini devono essere distribuiti nello stesso momento e pro quota, in base alla popolazione».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa