Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Ordine può controllare lo studio dell’iscritto

Gli avvocati hanno diritto a una protezione rafforzata nello svolgimento dell’attività, ma è conforme alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo la decisione dell’Ordine di controllare la documentazione nello studio del legale. Lo ha stabilito la Corte di Strasburgo (ricorso n. 25038/13), a cui si era rivolto un avvocato francese – al centro di un procedimento disciplinare per motivi legati al pagamento delle tasse e a negligenza verso un cliente – dopo che i tribunali nazionali avevano respinto ogni azione. Anche Strasburgo ha rigettato l’istanza, pur riconoscendo che si era verificata un’ingerenza nel diritto al rispetto della vita privata nel momento in cui il presidente dell’Ordine degli avvocati aveva svolto alcuni accertamenti nello studio del professionista in assenza di quest’ultimo.
Quel potere era, però, attribuito dalla legge e perseguiva un fine legittimo come la protezione di diritti altrui. I controlli, poi, erano stati effettuati da un avvocato e, quindi, da un soggetto consapevole delle esigenze di segretezza dei legali. D’altra parte, a fronte delle numerose contestazioni, l’Ordine doveva intervenire per salvaguardare il rispetto della deontologia e dell’etica professionale.

Marina Castellaneta

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa