Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Ocse striglia la Bce: il Qe va ridimensionato

«La Banca centrale europea dovrebbe diminuire il suo acquisto di asset nel 2018 e alzare uno dei suoi tassi d’interesse di riferimento entro la fine del prossimo anno»: lo ha dichiarato l’Ocse, che ha anche tagliato le prospettive di crescita degli Stati Uniti per il 2017 e il 2018, spiegando che le misure di stimolo attese dall’amministrazione Trump verranno probabilmente sviluppate in ritardo rispetto a quanto annunciato in campagna elettorale. In Europa, invece, «con l’inflazione core prevista in lento avvicinamento al target entro la fine del 2018, la Bce dovrebbe gradualmente ridurre il suo programma di Qe. Inoltre gli sviluppi dell’indice dei prezzi al consumo giustificano una graduale interruzione della politica accomodante dell’istituto. In particolare, il tasso deposito potrebbe essere alzato verso la fine del 2018 per rendere nuovamente simmetrico il corridoio dei tassi d’interesse». I suggerimenti fanno parte del report semestrale sulle prospettive di crescita globale, in cui l’Ocse ha ribadito le stime di espansione per l’Eurozona sia nel 2017 che nel 2018.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa