Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Lo stipendio dei top manager? È 36 volte quello dei loro dipendenti

Privato «batte» pubblico, ma soprattutto il primato va alla manifattura: l’Italia dei grandi gruppi conferma che la ripresa del Paese deve affidarsi alla fabbrica. Lo illustra l’ultima analisi di R&S-Mediobanca sui 50 big quotati. Dal rapporto arriva poi un’altra conferma significative: nelle imprese è maxi la distanza fra le remunerazioni, in media quelle delle figure di vertice sono pari a 36,4 volte il costo del lavoro, in pratica una vita professionale. L’«utopia» di Adriano Olivetti («nessuno guadagni più di 10 volte il salario minimo») è certo molto lontana: il divario massimo in aziende industriali fra i compensi cash (senza stock option) di figure apicali e il costo medio per dipendente è pari a 278 volte. Per un presidente e amministratore delegato il multiplo medio è 82, il «semplice» consigliere delegato guadagna 45,7 volte di più e un direttore generale 21,1.
Il fatturato dei superbig è calato del 5% nel 2013 e del 2,8% nei primi tre mesi di quest’anno. La frenata sarebbe però stata più ampia senza il contributo della manifattura privata. L’anno scorso il calo dei ricavi per i maggiori gruppi pubblici, soprattutto energia e utility, è stato del 7,7% mentre i big privati hanno limitato la contrazione all’1,9% grazie al manifatturiero, che ha registrato una ripresa dell’1,5%. Molto è dovuto all’effetto Fiat-Chrysler: «senza» le private avrebbero registrato una flessione dello 0,3%. Nella prima parte 2014 il pubblico cala del 7,6% mentre il fatturato dei privati sale del 5,7%.
La manifattura esporta quasi tutto — per quella privata il 90,7% del giro d’affari è all’estero — e cambia la geografia dei mercati: l’Italia ha perso il 27%, il resto dell’Europa è cresciuto del 14%. Sempre per effetto Fiat-Chrysler sono quadruplicate le vendite negli Usa, mentre sono lievitate del 70% in Asia e resto del mondo. Ciò significa che nel 2013 i nostri big industriali hanno realizzato il 49% del fatturato nelle Americhe, il 35% in Europa, e meno del 10% è venuto dall’Italia. Asia e resto del mondo valgono il 16%.
L’occupazione è ferma. E, da notare, nel pubblico poco meno di un dipendente su due lavora all’estero mentre nella manifattura pubblica si sale a tre su quattro.
Anche se rallentano il passo, i campioni per utili e dividendi restano i big pubblici: fra il 2009 e il 2013 l’Eni ha cumulato un risultato di 30,5 miliardi e ne ha «consegnati» allo Stato 5,7, l’Enel ha guadagnato 18,2 miliardi e ne ha versati 3,1 all’azionista statale: il rapporto dividendo-prezzo medio è stato rispettivamente del 6,6 e 6,5% (per Terna e Snam è stato del 7 e del 6,7%).
Infine nell’annuario dei primi 50 big vengono registrate le cariche cumulate nei board dai super-manager. Al top ci sono Sergio Marchionne con sette, tutte nel gruppo Exor; Monica Mondardini sei, di cui cinque in Cir e una in Atlantia; Gilberto Benetton ne cumula quattro interne a Edizione e un posto in Mediobanca; cinque cariche anche per Francesco Caltagirone, quattro nel suo gruppo e una in Acea.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vasto entusiasmo ha suscitato la recente pronunzia della Corte di Giustia Ue, con la conferma del gi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha scelto la giornata delle donne Mario Draghi per il suo secondo discorso pubblico da presidente de...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le obbligazioni assunte nell’esercizio dell’attività d’impresa o professionale, per «nozione...

Oggi sulla stampa