Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Lo stipendio a misura Ue chiede la prova d’appello

di Antonello Cherchi

Prova d'appello per la commissione Giovannini, chiamata dal decreto salva-Italia a definire uno dei tanti tasselli dei tagli ai costi della politica, anche se si tratta di una tessera di rilievo. La commissione, infatti, deve definire la soglia a cui devono parametrarsi le retribuzioni dei parlamentari e degli incarichi di vertice di tutta una serie di altri organismi, a cominciare dalle Authority.
Questione assai spinosa, perché c'è già stato un precedente agli inizi dell'anno, con nutrito strascico di polemiche. Nei primi giorni di gennaio, infatti, la commissione – in ottemperanza a quanto previsto dall'articolo 1 della manovra di luglio (decreto legge 98/2011, convertito dalla legge 111), ma soprattutto perché pressata dall'opinione pubblica – aveva provato a ricondurre i compensi di deputati e senatori e di molti grand commis entro la media ricavata dalla valutazione degli stipendi assegnati a incarichi analoghi di altri sei Paesi europei: Germania, Spagna, Paesi Bassi, Belgio, Austria e Francia.
Una prima faticosa elaborazione che ha scontato la scarsità dei dati relativi alle altre realtà, ma che ha comunque dimostrato come i nostri parlamentari abbiano le retribuzioni più alte. Il risultato non è, però, stato indenne da critiche, che si sono appuntate sul fatto che la ricerca della commissione non ha potuto prendere in considerazione voci significative (per esempio, il peso della tassazione negli altri Paesi) e soprattutto si è dovuta scontrare con le tante voci che compongono lo stipendio dei parlamentari, qui da noi come altrove.
In quella circostanza Enrico Giovannini, presidente della commissione, aveva sottolineato l'estrema difficoltà di arrivare a una media attendibile a cui riferire gli stipendi dei nostri senatori e deputati, precisando, al contempo, che quella presentata a gennaio era solo una prima riflessione.
Ora, però, quel lavoro può essere affinato. Entro fine marzo, infatti, la commissione ha la possibilità – così prevede la legge che l'ha istituita – di presentare nuove valutazioni. Considerazioni che, a regime e sempre che si ritenga che il compito della commissione abbia un senso, dovranno essere presentate entro luglio di ciascun anno.
Anche perché, se pure questa volta la commissione Giovannini dovesse mostrare il fiato corto, scatterebbe il "commissariamento" voluto dal decreto salva-Italia, che ha riservato a Parlamento e Governo la possibilità, ognuno nel proprio ambito di competenze, di intervenire per fare in modo che le retribuzioni dei nostri parlamentari e vertici amministrativi siano allineate a quelle europee.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vasto entusiasmo ha suscitato la recente pronunzia della Corte di Giustia Ue, con la conferma del gi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha scelto la giornata delle donne Mario Draghi per il suo secondo discorso pubblico da presidente de...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le obbligazioni assunte nell’esercizio dell’attività d’impresa o professionale, per «nozione...

Oggi sulla stampa