Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Lo spread BTp-Bund torna a 302 punti

di Maximilian Cellino

La seconda seduta consecutiva di flessione per i mercati azionari e per i BTp non sembra destare ancora allarme sui mercati. Il ripiegamento di ieri non è infatti stato particolarmente marcato e nemmeno esteso a tutti i listini. Eppure, mentre gli operatori continuano a parlare in modo generico di prese di beneficio, qualcosa di significativamente diverso e degno di nota rispetto alla vigilia è avvenuto. Se martedì erano stati i timori di rallentamento della Cina a fornire il pretesto per i realizzi, ieri l'attenzione degli investitori è infatti tornata sulle questioni europee, sul debito e sulla capacità di tenuta dei Paesi in difficoltà con i conti pubblici.
C'era attesa ieri per l'audizione di fronte al Congresso Usa dal presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, in tandem con il segretario al Tesoro Tim Geithner. E il banchiere centrale non ha deluso la platea, affrontando temi specifici di politica monetaria, offrendo un quadro sull'andamento economico degli Stati Uniti e gettando anche lo sguardo verso l'Europa e i sui suoi guai. Nello specifico, pur ricordando che le mosse di Washington «hanno aiutato l'economia» e che «le piccole imprese Usa hanno beneficiato di bassi tassi di interesse», Bernanke ha avvertito che il rialzo dei prezzi dei carburanti «probabilmente frenerà la crescita, almeno nel breve termine».
Ma il tono si è fatto particolarmente pungente quando si è arrivati a parlare della crisi europea e dei suoi possibili risvolti sulle banche e sulle aziende Usa. La situazione «resta difficile» e la «piena soluzione della crisi richiede un ulteriore rafforzamento del sistema bancario» ha ammesso Bernanke, esortando il Vecchio Continente a compiere un passo avanti «verso l'unione fiscale». Il banchiere ha ricordato che la Fed «segue la crisi europea e resta pronta a intervenire nel caso la situazione dovesse peggiorare», ma ha escluso ancora una volta interventi diretti in acquisto sui titoli di Stato dei Paesi in difficoltà.
Prese nel complesso, le parole di Bernanke non hanno poi scosso più di tanto Wall Street, che ha chiuso poi la giornata con movimenti di poco rilievo (-0,19% l'S&P 500 e +0,04% il Nasdaq), ma hanno invece contribuito a rendere ancora più nervosi i listini europei. La tensione, a onor del vero, si era già avvertita qualche ora prima, complice anche un'indicazione del capoeconomista di Citigroup (con un passato alla Banca d'Inghilterra) Willem Buiter, che in un'intervista radiofonica si era detto particolarmente preoccupato della situazione della Spagna, mai così vicina al default.
Non a caso i riflessi più marcati ieri si sono visti sui titoli di Stato di Madrid, il cui differenziale di rendimento rispetto al Bund decennale tedesco (tornato a sua volta sotto la soglia del 2%) è risalito fino a 343 punti base. L'avversione al rischio degli investitori ha condizionato pure il BTp, tornato per la prima volta da due settimane a sfiorare il 5% sulla scadenza decennale (con uno spread nei confronti della Germania a 302 punti) anche di riflesso alle tensioni che si avvertono attorno alla riforma del mercato del lavoro italiano.
Va invece ancora a gonfie vele il collocamento del nuovo BTp Italia a 4 anni, che ieri sul Mot di Borsa italiana ha fatto registrare oltre 34mila ordini per un controvalore di 2 miliardi di euro, portando a 5,7 miliardi (e 104mila contratti) l'ammontare complessivo richiesto nelle prime 3 giornate di distribuzione.
Milano (-1,29%) e Madrid (-0,89%) sono state anche le piazze azionarie più deboli del Continente, in una giornata che si è invece chiusa praticamente in parità per Londra (+0,1%), Parigi (-0,1%) e Francoforte (+0,23%). Una conseguenza soprattutto della frenata del comparto bancario (-0,9% l'indice paneuropeo Stoxx), che ha rilevato dai titoli del settore auto e dalle società legate alle materie prime il poco invidiato testimone delle vendite. E un altro segnale dello spostamento dell'attenzione degli investitori dai timori sulla Cina alla crisi del debito europeo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa