Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Lo split paiment inizia a decollare (20 mln )

Le entrate da split payment iniziano a decollare e sul primo trimestre 2015 arrivano a toccare i primi 20 milioni di euro (contro un dato che a fine febbraio si attestava ad appena un milione). Vola anche il gettito dell’imposta sostitutiva sul valore dell’attivo dei fondi pensione, superiore a un miliardo di euro e in crescita del 92,1% rispetto al corrispondente trimestre del precedente anno. Questo, grazie alle nuove regole introdotte dalla legge di Stabilità (190/2015), che, relativamente ai fondi di previdenza, ha previsto un aumento retroattivo dell’aliquota sul maturato all’1/1/2014, con il versamento delle imposte relative all’anno 2014 nel febbraio 2015. Riguardo allo split payment, il comunicato stampa del Mef evidenzia che «l’andamento dell’Iva sugli scambi interni è stato influenzato dalla circostanza che il gettito relativo agli acquisti effettuati dalla p.a. nel primo trimestre 2015 (cosiddetto split payment) affluirà al bilancio dello stato solo a partire dal mese di aprile». Sempre in materia di imposte indirette, l’Iva è risultata, in linea coi dati del precedente esercizio, in calo del 2,4% principalmente a causa di una flessione relativa agli scambi interni (-2,8%) e alle importazioni (-0,8%); in crescita invece l’imposta di bollo del 12,1%. La diminuzione del 6,7% dell’accisa sui prodotti energetici è dipesa invece in prima battuta dalla diminuzione dei prezzi del petrolio, così come accaduto per quella sul gas naturale, scesa del 38,1%.

A fronte di una decrescita del gettito totale da imposte indirette (-3,3%), le imposte dirette sono cresciute del 2,5%, con un importo positivo sull’Irpef dello 0,4%, composta dal +2,6% delle ritenute sui dipendenti del settore privato e da un -21,2% da quelli del settore pubblico. «Tale flessione», si legge nel comunicato, «è determinata dal meccanismo di regolazione contabile del bonus degli 80 euro fino a oggi corrisposto (700 milioni di euro), che per il settore pubblico avviene l’anno successivo a quello di attribuzione». La percentuale sulle entrate Ires si porta in diminuzione rispetto al 2014 del 35,7%, un dato non significativo «in considerazione del numero limitato di versamenti che vengono effettuati nei primi tra mesi dell’anno». Elevate poi le entrate sulle plusvalenze e sui redditi da capitale, a +61,8%.

Altri dati sono quelli derivanti dalle entrate sui proventi del lotto, cresciute del 15,8% al lordo delle vincite; per contro, i proventi dalle attività di gioco sono calati del 15,2%. Infine incremento del 6,8% sui tributi derivanti da assicurazioni, e discesa dell’8,6% su tasse e imposte ipotecarie.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa