Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Livingston riparte entro maggio

La compagnia aerea Livingston è pronta a riprendere il volo, ma senza cordate. Dopo il ritiro delle due offerte, Air Four di Andrea Molinari e quella del tour operator Wtm, il commissario straordinario Daniele Discepolo ha deciso di andare avanti ugualmente. Come? Con le proprie gambe. Al ministero delle Attività Produttive il commissario ha strappato un finanziamento di 9,8 milioni di euro che dovrà essere restituito entro i prossimi anni.

Quanto basta per evitare la scure dell'Unione Europea sugli aiuti di Stato: il finanziamento deve essere inferiore ai 10 milioni di euro e deve essere garantita la rimborsabilità. In ogni caso, il piano ha bisogno del via libera della Ue che potrebbe arrivare già la prossima settimana.

Il commissario ha infatti incontrato due giorni fa i sindacati garantendo la ripresa dell'operatività entro il prossimo maggio sulle rotte verso l'Egitto, la Spagna e la Grecia, con due aerei A320 in leasing. «Un piano che garantirà i posti di lavoro facendo rientrare la maggioranza dei 430 dipendenti ora in cassa integrazione», ha detto il rappresentante sindacale dell'Anpav, Gianluca Tempesti.

Ai sindacati, il commissario ha assicurato che l'opzione di cessione del vettore resta valida, ma che sicuramente risulta più facile se la compagnia è operativa. Ma soprattutto per evitare che l'Enac (Ente nazionale per l'aviazione civile) revochi i diritti di volo assegnati fino a questo momento alla Livingston. Niente da fare invece per le due offerte giunte nelle settimane scorse le quali sono risultate prive di un piano industriale credibile e della fidejussione da 2 milioni di euro richiesta per chiudere l'operazione.

Il fallimento di Livingston che ha accumulato debiti per 80 milioni di euro, è legato al crack di Viaggi del Ventaglio: la famiglia Colombo, ex proprietaria del tour operator, comprò la Lauda Air che venne fusa nella Livingston per farne la compagnia charter. In seguito Ventaglio per fare cassa e rientrare di una parte dei debiti, l'ha venduta alla FG dell'imprenditore cinematografico Ferrero, quello stesso su cui ora il commissario straordinario vuole fare chiarezza su operazioni effettuate con Livingston.

L'obiettivo del commissario è sempre stato quello di chiudere la vendita a breve per far ripartire la società in tempo utile per la nuova stagione estiva.
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al via la banca tutta online e digitale del gruppo Illimity, che fa capo a Corrado Passera. È Illim...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Google ha accettato di pagare un totale di quasi 1 miliardo di euro per chiudere il contenzioso fisc...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il fondo Blackrock torna sopra la soglia del 5% del capitale sia in Unicredit che in Intesa Sanpaolo...

Oggi sulla stampa