Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Liti immobiliari ai giudici di pace

Si estende la competenza del giudice di pace, sino a toccare le controversie in materia di beni immobili. Lo stabiliscono le Sezioni unite civili con la sentenza n. 21582 depositata ieri che fissa un nuovo, rilevante principio di diritto in base al quale viene dichiarata la competenza del giudice di pace, nell'ambito del valore fissato dall'articolo 7 del Codice di procedura (5mila euro), anche per le cause «aventi ad oggetto pretese che abbiano la loro fonte in un rapporto, giuridico o di fatto, riguardante un bene immobile, salvo che la questione proprietaria non sia stata oggetto di una esplicita richiesta di accertamento incidentale di una delle parti e sempre che tale richiesta non appaia, ictu oculi, alla luce delle evidenze probatorie infondata e strumentale, siccome formulata in violazione dei principi di lealtà processuale, allo spostamento di competenza dal giudice di prossimità al giudice togato».

In altre parole, al giudice di pace vanno assegnate le cause che hanno per oggetto, per esempio, una richiesta di risarcimento danni (sempre nel limite dei 5mila euro) che riguarda un immobile, come quella avanzata dal condominio nei confronti del costruttore, mentre al tribunale devono restare tutte le controversie che hanno origine dall'affermazione o negazione di un diritto reale.

Le ragioni che hanno indotto le Sezioni unite ad arrivare a questa conclusione stanno in un'attenta considerazione della competenza, pacifica, del giudice di pace, nelle liti che hanno per oggetto beni mobili come le somme di denaro, il fatto che l'articolo 813 del Codice civile estende le disposizioni di legge sui beni immobili ai soli diritti reali che hanno per oggetto beni immobili mentre agli altri diritti si applica il regime dei beni mobili. Ma a pesare sono state anche ragioni di economia procesuale: è opportuno infatti non ingolfare i tribunali con cause "minori" e non costringere l'interessato, anche per danni minimi a un immobile, a dovere intraprendere la più onerosa via del tribunale.
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non è stata una valanga di adesioni, ma c’è tempo fino a domani per consegnare le azioni Creval ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un altro passo avanti su Open Fiber, la rete oggi controllata alla pari 50% da Cdp e Enel, per accel...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il «passaggio di luglio» con la fine del blocco dei licenziamenti per le imprese dotate di ammorti...

Oggi sulla stampa