Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Italia rivedrà al rialzo le stime sul Pil

Sul numero preciso non c’è ancora certezza. Ma la tendenza sembra chiara, ed in economia è la tendenza che conta. Il governo si prepara a rivedere al rialzo le sue previsioni sul Pil, il prodotto interno lordo. Il ritocco dovrebbe essere formalizzato nella nota di aggiornamento al Def, il Documento di economia e finanza, che sarà presentato al Parlamento entro il 20 settembre. 
Al momento le previsioni ufficiali sono quelle del vecchio Def, approvato ad aprile in Consiglio dei ministri. Dicono quelle tabelle che il Pil dovrebbe crescere dello 0,7% quest’anno e dell’1,4% l’anno prossimo. La correzione su cui il governo sta ragionando farebbe salire la crescita per l’anno prossimo di un altro 0,2%, portandola all’1,6%. Più delicata, invece, la stima per quest’anno. Probabile che alla fine il governo scelga un incremento minimo rispetto al vecchio Def, pari allo 0,1%, portando la previsione per tutto il 2015 ad un più 0,8%. Ma è anche possibile che il segnale sia più marcato con un incremento dello 0,2%, con un più 0,9%.
Sabato scorso era stato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan a dire che sulla crescita «possiamo ragionevolmente aspettarci qualcosa in più». E nei giorni precedenti era stata l’Istat a ritoccare l’andamento dei primi due trimestri 2015, arrivando alla conclusione che l’obiettivo dello 0,7% potrebbe essere centrato già alla fine di settembre. Con tre mesi ancora a disposizione, non dovrebbe essere così difficile andare oltre. Anche se è vero che il rallentamento dell’economia mondiale, dopo la crisi cinese, non lascia immaginare un finale d’anno particolarmente scoppiettante.
«I numeri di questi giorni – dice il viceministro dell’Economia, Enrico Morando – dimostrano come le previsioni che avevamo fatto nei mesi scorsi erano non attendibili ma super attendibili. Per questo considero molto probabile che si vada oltre le soglie già fissate». Ieri proprio il ministero dell’Economia ha diffuso nuovi dati sull’entrate fiscali che, nei primi sette mesi dell’anno, hanno registrato un aumento dello 0,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Un andamento che diventa ancora più positivo (+1,3%) se si considera che nel 2014 c’era stata un’entrata un tantum, e cioè l’extra gettito legato alla rivalutazione delle quote di Bankitalia.
La revisione al rialzo delle previsioni, non sarebbe solo un segnale «politico» e di fiducia. Ma avrebbe delle ricadute immediate e concrete sulle scelta di politica economica del governo. Una crescita più marcata migliorerebbe i saldi di finanza pubblica, alleggerirebbe il rapporto deficit-Pil, rafforzando indirettamente la dote che il governo punta a ottenere da Bruxelles in termini di flessibilità. E potrebbe spingere a un’inversione di tendenza anche nel rapporto fra debito e Pil, con il percorso di rientro che non sarebbe più un miraggio. Ma, soprattutto, darebbe al governo più risorse per finanziare tutti gli interventi annunciati in vista della legge di Stabilità.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non è stata una valanga di adesioni, ma c’è tempo fino a domani per consegnare le azioni Creval ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un altro passo avanti su Open Fiber, la rete oggi controllata alla pari 50% da Cdp e Enel, per accel...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il «passaggio di luglio» con la fine del blocco dei licenziamenti per le imprese dotate di ammorti...

Oggi sulla stampa