Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Italia ricostruirà il Giappone

di Pierre de Nolac  

Il gotha dell'imprenditoria italiana ricostruirà il Giappone. E otto grandi eventi faranno conoscere ai giapponesi le opere di Leonardo da Vinci e Giorgio Morandi, oltre alla storia di Venezia.

A Roma, alla Farnesina, il ministro degli Affari esteri Franco Frattini, il sottosegretario Stefania Craxi e il titolare del dicastero dell'Istruzione Maria Stella Gelmini hanno presentato all'ambasciatore del Giappone in Italia Hiroyasu Ando l'impegno italiano nei confronti della nazione che è stata colpita da terremoti e tsunami.

Annunciando un vertice Ue-Giappone per il prossimo 25 maggio, decisivo per «un salto di qualità nelle relazioni euro-nipponiche», Frattini ha fornito, grazie all'ambasciatore Vincenzo Petrone, il lunghissimo elenco delle iniziative di Italia-Giappone 2011, dalla cultura al commercio: così ecco un incontro di dialogo interreligioso dedicato a cristianesimo e buddismo, curato dalla fondazione per il Meeting di Rimini, ma anche una straordinaria campagna promozionale di prodotti italiani presso la grande distribuzione organizzata, nei magazzini Hanshin, Isetan, Hankyu, Yamatakaya, Seibu e Sogo, più tavole rotonde sui vini e la cucina italiana, e un road show di Borsa Italiana.

E Luisa Todini, presidente del comitato Leonardo (nel 2009 il premio Leonardo International è stato consegnato all'imprenditore giapponese Katsuhiko Machida, presidente della Sharp Corporation), ha detto che «gli ottimi rapporti tra Sol Levante e Italia hanno permesso, ad esempio, alle nostre esportazioni di superare quota 4 miliardi di euro, con un +9% rispetto all'anno precedente, rappresentando l'export in Giappone il 16,5% del totale verso l'Asia orientale».

L'apprezzamento dell'ambasciatore giapponese era visibilissimo, specie quando Frattini ha detto che «la nostra ambasciata e le nostre rappresentanze diplomatiche sono stati lì anche nei momenti più difficili, senza chiudere, senza abbandonare il paese», sottolineando che «altre nazioni facevano valutazioni diverse».

Per il titolare della Farnesina anche questo «è un segnale di amicizia verso il Giappone».

Nel suo intervento alla Farnesina, Frattini ha evidenziato che «il 2011 è l'anno dell'amicizia e della solidarietà con il Giappone», affermando che «l'arte e la cultura dei nostri paesi costituiscono un legame fortissimo, un ponte che nessun terremoto potrà abbattere».

Ricordando l'impegno giapponese nella ricostruzione dell'Aquila, colpita dal sisma di due anni fa, testimoniato dalla presenza del primo cittadino Massimo Cialente, Frattini ha sottolineato: «Ora tocca a noi fare la nostra parte».

Il Giappone è stato il primo ad aiutare l'Abruzzo, offrendo un auditorium.

la camicia. Una luce soffusa da abat-jour. Piera Degli Esposti, attrice. A.

Il mondo va a cancellare l'umanesimo e quindi, alla fine, l'umanità. Secondo me, è questo l'esito della cultura tecnologica, marxista e nietschiana. Io però sono per oppormi a questo probabile destino, conservando uno spazio di agibilità per persone che abbiano interessi e visioni, vale a dire un'idea umanistica della cultura e della vita. Cesare De Michelis in “Tra le carte di un editore”. Marsilio.

La baronessa sembra non accorgersi o non ammettere che ormai Francesca, sua figlia, è una donnona dalle femminilità prorompente e repressa, gonfia di linfe che scorrono dense. E (“conculcare le esuberanze!”) tiene lunghe prediche da confessore terroristico a Fulco sui pericoli innati della masturbazione: diventerai cieco, calvo, pazzo, paralitico, sifilitico, e andrai all'inferno! Alberto Arbasino in Specchio delle mie brame, Adelphi.

Che bisogno di me aveva quest'arabo conteso dall'istinto di troppe signore che non fa nemmeno in tempo a desiderare – qui due mogli e una concubina, le scintillanti entraîneuse del Ritz a Parigi? Proprio di me che non so più, se mai l'ho saputo, che cosa sia l'amore. Lorella Pagnucco Salvemini in “Notte in fa minore”. Marsilio .

Viva i forti. Abbasso i potenti. Campagna pubblicitaria di Fisherman's Friend con una formica che solleva una caramella.

Se non vuoi cambiare la realtà, cambiamo discorso. Borges.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Al bivio tra un’iniezione di "italianità", che potrebbe coincidere con l’acquisizione di Mps o...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Cronaca di un addio a lungo annunciato, ma non per questo meno traumatico (-4,96% il titolo in Borsa...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Estrema cautela». È questo allo stato dell’arte l’approccio di Cdp e dei fondi, Blackstone e...

Oggi sulla stampa