Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«L’Italia è il Paese pilota per i pagamenti europei»

«È una nostra storia vincente», dice il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, presentando a Milano, presso la Rotonda della Besana, il lancio della piattaforma Target2. L’iniziativa, ha spiegato, è importante nel percorso verso l’integrazione europea dei capitali. L’argomento è molto tecnico, ma in grande sostanza, saranno centralizzate, appunto in un’ unica piattaforma, le transazioni finanziarie degli intermediari, mettendo assieme trenta sistemi di deposito accentrato in titoli, con l’obiettivo di ridurne il costo, che oggi è tra 6 e 10 volte superiori agli Stati Uniti. 
«Imposte più basse prima di tutto», ha affermato il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, presentando l’iniziativa che vede la piazza finanziaria di Milano in prima fila. Con T2S (Target2Securities) infatti «sarà abbassato il costo di liquidazione delle transazioni transfrontaliere in Europa, via via in misura maggiore con il progressivo aumento dei volumi». Target2 «agevolerà notevolmente i trasferimenti di garanzia, quindi la gestione della liquidità. Questa è diventata una questione critica negli ultimi anni a causa della crescente domanda di garanzie» ha aggiunto Visco.
Il prossimo passo importante sarà compiuto alla fine di agosto, quando Monte Titoli, e la comunità bancaria italiana porteranno le loro operazioni in titoli a T2S che entrerà a regime nel febbraio 2017. «Il mercato italiano si aggiungerà con un consistente numero di transazioni, con una media di 100 miliardi di euro al giorno e con picchi da 200 miliardi nei giorni di emissione e il rimborso di titoli di Stato» ha spiegato il governatore.
Nel T2S entrano subito: Italia, Grecia, Romania, Malta e Svizzera, ma solo per le operazioni in euro. Il 28 marzo 2016 sarà la volta di Belgio, Francia, Olanda, Portogallo. Il 12 settembre 2016 Germania, Ungheria, Lussemburgo, Austria e Danimarca. Infine il 6 febbraio 2017 Slovacchia, Estonia, Finlandia, Spagna, Slovenia, Lituania, Lettonia. Lo sviluppo e la gestione operativa della nuova piattaforma è stata affidata alle banche centrali di Francia, Germania, Italia e Spagna. Banca d’Italia, Bundesbank e Banque de France avevano già realizzato il sistema Target2. Le attività del primo gruppo di mercati che è migrato dal 22 giugno, sono state coordinate dai team dell’Eurosistema che hanno operato presso il centro Donato Menichella della Banca d’Italia.
In definitiva la piattaforma regolerà in real time in moneta di banca centrale le transazioni in valori mobiliari in Europa denominate in euro o in altre valute su base domestica o transfrontaliera.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il virus ci ha cambiati profondamente. Ma non è chiaro come. Quali effetti lascerà su di noi, sull...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

II lavoratori messi in ginocchio dalla crisi tornano in piazza. Ministro Orlando, qual è il piano d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora caos sulla tassazione dei compensi derivanti dai contratti decentrati. Il balletto tra tassaz...

Oggi sulla stampa