Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Italia dei 35enni ancora con i genitori Soltanto il Giappone ha più anziani di noi

La classe operaia non va più in paradiso, ma in pensione. Ma la pensione oggi, nell’economia del nostro Paese, è una sorta di piccolo paradiso, nel marasma di lavori atipici, precari e a termine.

Ecco perché l’Istat nel suo rapporto annuale ha scelto di scattare una fotografia dinamica dell’Italia, inventando i gruppi sociali che sostituiscono le vecchie «classi» e dove le famiglie degli operai in pensione sono inaspettatamente le più numerose e tra le più benestanti (quasi 6 milioni di famiglie su 25,7 milioni che sono in Italia).

La foto Istat di quest’anno, purtroppo, appare un po’ sbiadita con un’Italia sempre più anziana, con l’ascensore delle classi bloccato e sette «Millenials» (i giovani nati tra i primi anni Ottanta e il 2000) su dieci bloccati a casa con i genitori (tradotto in numeri 8,6 milioni di persone tra i 25 e i 34 anni che non abbandonano il tetto di mamma e papà).

«Siamo in fase di recupero della crescita, sebbene a ritmo moderato», dice il presidente dell’Istat Giorgio Alleva commentando la crescita dello 0,2% del Pil nel primo trimestre di quest’anno, ma nonostante la timida ripresa non si può non notare come la forbice della disuguaglianza continua ad aumentare. Un numero inquietante: il 6,5% della popolazione rinuncia alle visite mediche per motivi economici. Era il 4% nel 2008.

La forbice che si allarga: le spese mensili del gruppo dirigente sono il doppio del gruppo più basso sociale (3.810 euro contro 1.697). E questo quando 3 milioni 590 mila famiglie (il 13,9% del totale) sono senza redditi da lavoro. Erano 3 milioni 172 mila dieci anni fa.

A questo conto, però, si devono aggiungere i cosiddetti i Neet, un acronimo inglese che vuol dire che esistono giovani tra i 15 e i 29 anni che non lavorano e non studiano. In Italia sono i più numerosi d’Europa: 2 milioni 200 mila.

Siamo il Paese più anziano dell’Unione europea e nel mondo secondo soltanto al Giappone: al 1° gennaio del 2017 gli individui con più di 65 anni hanno raggiunto la quota del 22%. E anche gli stranieri nel nostro Paese cominciano a invecchiare: l’età media è passata da 31,1 a 34,2 anni.

Ma i nostri ultrasessantacinquenni sono gagliardi e tosti. Lo dicono le statistiche: dal 2010, infatti, è aumentato il numero di anni vissuto senza limitazioni nelle attività della vita quotidiana dopo i 65 anni: da 9 a 9,9 per gli uomini e da 8,9 a 9,6 per le donne.

Siamo anziani in buona forma, ma con le culle drammaticamente vuote, lo sappiamo da un po’ con il nostro indice di natalità che è sceso a 1,27 figli per donna ed è il più basso d’Europa. E per questo con soltanto 474 mila bambini nati il saldo di quest’anno tra nati e morti è stato negativo per ben 134 mila unità. Siamo anche pigri. L’Istat è andato a fare i conti con le nostre attività quotidiane e ha scoperto che quattro persone su dieci dai 3 anni in su non praticano sport né attività fisica nel tempo libero. Sono più pigre le donne (43,4% contro il 34,8% degli uomini).

Del resto a guardare le tabelle si vede come le donne hanno molto da fare in casa: l’Istat ha calcolato che le casalinghe con il loro lavoro producono beni e servizi per 49 ore a settimana.

In ogni caso rimaniamo un popolo di gaudenti. Ci piace bere, in Italia: il nostro istituto di statistica ha calcolato che il 64,2% della popolazione dagli 11 anni in su ha consumato almeno una bevanda alcolica l’anno, il 21,4% almeno una bevanda ogni giorno.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa