Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Isvap chiede a Unipol di adeguare le riserve

MILANO — Nuovo colpo di scena nella battaglia per il controllo di Fonsai. L’Isvap – ancora guidata da Giancarlo Giannini nonostante il suo mandato quinquennale sia scaduto – il 3 luglio scorso ha inviato una lettera a Unipol rilevando una sottoriservazione nel settore Rc Auto e natanti per circa 350 milioni, di cui la compagnia dovrà tenere conto nella semestrale 2012. Inoltre entro dieci giorni Unipol dovrà fornire documentazioni e chiarimenti utili all’autorità e con riferimento ai sinistri con costo atteso inferiore a 100mila euro, ed entro 30 giorni una relazione da parte della funzione internal audit sulle varie fasi del processo di riservazione. Stupisce che il provvedimento dell’authority di vigilanza sul settore assicurativo arrivi appena 13 giorni dopo il via libera che la stessa Isvap ha messo in calce all’operazione di fusione tra Unipol, Premafin, Fonsai e Milano assicurazioni e che dovrà portare a lanciare due aumenti di capitale sul mercato per un totale di 2,2 miliardi.
Tuttavia la procedura di analisi delle riserve di Unipol va avanti da molto tempo, almeno dall’inizio di febbraio, cioè da quando la divisione di Vigilanza 1 dell’Isvap guidata da Giovanni Cucinotta aveva inviato la prima richiesta di documentazione. Altre domande sono state inviate il 2 e il 29 maggio, a cui la compagnia ha risposto il 18 maggio e il 29 giugno. E ora la lettera sugli adeguamenti necessari a pochi giorni dalla eventuale partenza degli aumenti delle società interessate alla fusione. I nuovi rilievi Isvap non sembra vadano a impattare sulla procedura autorizzativa,
dalla quale peraltro Cucinotta era stato escluso forse proprio per i dubbi che nutriva sul bilancio del “salvatore” di Fonsai che lo hanno portato a non firmare la delibera autorizzativa. Ora la lettera inviata da Giannini suona come uno scarico di responsabilità se insorgeranno problematiche future alla solidità del nuovo gruppo anche se gli aumenti di capitale proposti sono stati pensati di taglia superiore al dovuto, in modo da far confluire 600 milioni nella pancia della società di Bologna.
Tutto ciò accade mentre si sta decidendo la partenza o meno degli aumenti di capitale di Premafin, Fonsai e Unipol già deliberati ma, almeno il primo, contestato dal custode giudiziale del 20% di azioni Premafin. Ieri la procura di Milano che sta indagando per aggiotaggio ha convocato
i funzionari Consob per capire alcuni snodi delicati delle operazioni, in particolare le valutazioni delle diverse società che hanno portato a definire i termini di concambio delle future fusioni. Il custode Alessandro Della Chà ha invece incontrato le banche creditrici che hanno approvato la ristrutturazione del debito Premafin e sostenuto con grande vigore l’operazione Fonsai-Unipol. In serata, secondo indiscrezioni, c’è stato un nuovo vertice in procura con il pm Luigi Orsi per fare il punto della situazione e studiare le prossime mosse. Oggi il cda Fonsai dovrebbe rifare le delibere sui concambi e ricevere da Mediobanca una conferma sulla formazione del consorzio di garanzia per gli aumenti. Ma senza un nuovo via libera della Consob la grande operazione di creazione del nuovo polo assicurativo non può ancora partire.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Pasticcio di golden power alla parmigiana. La Consob ha sospeso, dal 22 gennaio e per massimi 15 gio...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il progetto di integrazione di Stellantis prosegue a marcia spedita. Dopo la maxi cedola di 2,9 mili...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Entra nel vivo la stagione dei conti societari a Wall Street con la pubblicazione, tra oggi e domani...

Oggi sulla stampa