Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Liquidità tassi giù, ma i salvadanai salgono

di Patrizia Puliafito

Dopo la sorpresa dei tassi — fatta dal neopresidente della Banca centrale europea Mario Draghi che ha abbassato i tassi ufficiali di un quarto di punto portandoli all'1,25% — i salvadanai online, con rendimenti in netta controtendenza se paragonati al costo del denaro e in molti casi capaci di tenere testa anche al costo della vita (3,4%), godono di un fascino ancora più indiscutibile. La fame di raccolta delle banche, infatti, tiene alta la concorrenza all'ultimo rendimento per invogliare i clienti a prestare i loro soldi al sistema.
Così, in seguito agli ultimi ritocchi sulle scadenze dei 12 mesi e oltre, si sfonda la soglia del 4% lordo che, per effetto della nuova tassazione al 20% (dal 2012), si traduce in tassi netti superiori al 3%. Andando, così, a pari e patta con l'inflazione e battendo il Bot annuale, il cui rendimento, al netto di imposte e commissioni, nell'ultima asta si è fermato al 2,79%. In compenso, chi è disposto a bloccare i soldi per 24 mesi, può riuscire a strappare fino al 4,60% lordo annuo e il 5% su importi superiori a 150 mila euro.
Novità
Da fine ottobre è salito al 4,25% il rendimento lordo sul vincolo a anno del deposito InMediolanum. Sulla stessa scadenza, Deposito Sicuro (Banca delle Marche) si porta al 4,50% lordo. Mentre il 4% lordo annuo è assicurato sui sei mesi e il 4,55% sui 18 mesi. Fino a toccare il 4,60% lordo annuo sui due anni.
Lo stesso tasso, sulla medesima scadenza, lo promette anche Rendimax che ha nuovamente rivisto i rendimenti, con punte del 30%, per tutte le scadenze dell'opzione che prevede la liquidazione degli interessi anticipati e assoggettati alla vecchia aliquota del 27%. Sul vincolo a un anno si è passati dal 4,04% al 4,40% lordo. E' salita al 3,85% lordo annuo anche l'opzione dei tre mesi, con pagamento degli utili posticipati e, quindi, tassati al 20%.
Il rendimento lordo del 4,30% a un anno e del 4,45% a diciotto mesi, è garantito anche da IWBank, con la nuova proposta IWPower Special Dodici+Sei. Sempre il 4,30% lordo, è pronto per chi, entro il 30 novembre, aprirà il deposito Websella e vincolerà il denaro per 18 mesi. Sui 12 mesi si scende al 3,75% lordo. Mentre Banca Sella, garantisce il 3,50% sui sei mesi e il 3,30% sui tre.
Più ricchi anche i rendimenti del conto deposito YouBanking del Banco Popolare, gestibile indifferentemente online e in filiale. Ai nuovi clienti che arriveranno entro dicembre, se disposti a bloccare i soldi per almeno nove mesi, sarà riconosciuto il 4% lordo. Si sale al 4,25% lordo se si allunga il fermo a 12 mesi e al 4,30% lordo a 18 mesi.
Fino a fine anno si può approfittare anche della promozione di Hypo Alpe Adria Bank che ai nuovi clienti del conto HypoSì, garantisce il 4% lordo su soldi vincolati per 12 mesi; il 2,75% lordo sull'opzione a sei mesi e il 2,25% lordo sul trimestre.
A promettere il 4% lordo c'è anche Santander Time Deposit 365 giorni, se l'importo è inferiore a 150 mila euro. Ma, si sale al 4,50% lordo per somme più sostanziose. Se poi si è disposti a bloccare il risparmio per due anni, Banca Santander arriva fino al 5% lordo, per importi oltre la soglia dei 150 mila euro.
Il 4% lordo è riconosciuto da Conto Arancio+ a chi blocca per un anno somme superiori a 100 mila euro.
Grandezze
Su giacenze più modeste, si va dal 2,50%, al 3% lordo. Sono stati ritoccati all'insù anche i tassi per la scadenza semestrale che vanno dal 2% al 3% lordo. Mentre, per i titolari dell'abbinata Conto Arancio+Conto Corrente Arancio, su importi fino a 50 mila euro, vincolati per sei mesi, il tasso sale al 2,50% lordo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fumata quasi bianca. Positiva però non ancora abbastanza da far considerare chiusa la partita. Ieri...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La parola che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non voleva più nemmeno ascoltare, "lockd...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nell’ultimo giorno utile per lo scambio dei diritti relativi all’aumento di capitale, il titolo ...

Oggi sulla stampa