Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Liquidità tassi giù, ma i salvadanai salgono

di Patrizia Puliafito

Dopo la sorpresa dei tassi — fatta dal neopresidente della Banca centrale europea Mario Draghi che ha abbassato i tassi ufficiali di un quarto di punto portandoli all'1,25% — i salvadanai online, con rendimenti in netta controtendenza se paragonati al costo del denaro e in molti casi capaci di tenere testa anche al costo della vita (3,4%), godono di un fascino ancora più indiscutibile. La fame di raccolta delle banche, infatti, tiene alta la concorrenza all'ultimo rendimento per invogliare i clienti a prestare i loro soldi al sistema.
Così, in seguito agli ultimi ritocchi sulle scadenze dei 12 mesi e oltre, si sfonda la soglia del 4% lordo che, per effetto della nuova tassazione al 20% (dal 2012), si traduce in tassi netti superiori al 3%. Andando, così, a pari e patta con l'inflazione e battendo il Bot annuale, il cui rendimento, al netto di imposte e commissioni, nell'ultima asta si è fermato al 2,79%. In compenso, chi è disposto a bloccare i soldi per 24 mesi, può riuscire a strappare fino al 4,60% lordo annuo e il 5% su importi superiori a 150 mila euro.
Novità
Da fine ottobre è salito al 4,25% il rendimento lordo sul vincolo a anno del deposito InMediolanum. Sulla stessa scadenza, Deposito Sicuro (Banca delle Marche) si porta al 4,50% lordo. Mentre il 4% lordo annuo è assicurato sui sei mesi e il 4,55% sui 18 mesi. Fino a toccare il 4,60% lordo annuo sui due anni.
Lo stesso tasso, sulla medesima scadenza, lo promette anche Rendimax che ha nuovamente rivisto i rendimenti, con punte del 30%, per tutte le scadenze dell'opzione che prevede la liquidazione degli interessi anticipati e assoggettati alla vecchia aliquota del 27%. Sul vincolo a un anno si è passati dal 4,04% al 4,40% lordo. E' salita al 3,85% lordo annuo anche l'opzione dei tre mesi, con pagamento degli utili posticipati e, quindi, tassati al 20%.
Il rendimento lordo del 4,30% a un anno e del 4,45% a diciotto mesi, è garantito anche da IWBank, con la nuova proposta IWPower Special Dodici+Sei. Sempre il 4,30% lordo, è pronto per chi, entro il 30 novembre, aprirà il deposito Websella e vincolerà il denaro per 18 mesi. Sui 12 mesi si scende al 3,75% lordo. Mentre Banca Sella, garantisce il 3,50% sui sei mesi e il 3,30% sui tre.
Più ricchi anche i rendimenti del conto deposito YouBanking del Banco Popolare, gestibile indifferentemente online e in filiale. Ai nuovi clienti che arriveranno entro dicembre, se disposti a bloccare i soldi per almeno nove mesi, sarà riconosciuto il 4% lordo. Si sale al 4,25% lordo se si allunga il fermo a 12 mesi e al 4,30% lordo a 18 mesi.
Fino a fine anno si può approfittare anche della promozione di Hypo Alpe Adria Bank che ai nuovi clienti del conto HypoSì, garantisce il 4% lordo su soldi vincolati per 12 mesi; il 2,75% lordo sull'opzione a sei mesi e il 2,25% lordo sul trimestre.
A promettere il 4% lordo c'è anche Santander Time Deposit 365 giorni, se l'importo è inferiore a 150 mila euro. Ma, si sale al 4,50% lordo per somme più sostanziose. Se poi si è disposti a bloccare il risparmio per due anni, Banca Santander arriva fino al 5% lordo, per importi oltre la soglia dei 150 mila euro.
Il 4% lordo è riconosciuto da Conto Arancio+ a chi blocca per un anno somme superiori a 100 mila euro.
Grandezze
Su giacenze più modeste, si va dal 2,50%, al 3% lordo. Sono stati ritoccati all'insù anche i tassi per la scadenza semestrale che vanno dal 2% al 3% lordo. Mentre, per i titolari dell'abbinata Conto Arancio+Conto Corrente Arancio, su importi fino a 50 mila euro, vincolati per sei mesi, il tasso sale al 2,50% lordo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il virus ci ha cambiati profondamente. Ma non è chiaro come. Quali effetti lascerà su di noi, sull...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

II lavoratori messi in ginocchio dalla crisi tornano in piazza. Ministro Orlando, qual è il piano d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora caos sulla tassazione dei compensi derivanti dai contratti decentrati. Il balletto tra tassaz...

Oggi sulla stampa