Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’«invasione» di campo di Murdoch Sky pronta al debutto nella telefonia

Non solo tv per Sky. La notizia viene dal Regno Unito: il broadcaster che fa capo a Rupert Murdoch entra nel mercato delle telefonia mobile. Un ulteriore segno del processo di convergenza tra gli operatori delle Tlc nel loro complesso, cioè tra chi era nella telefonia e in Internet come Telecom Italia, che offre anche contenuti, e chi invece fa il percorso inverso. Il gruppo della pay-Tv ha presentato «Sky Mobile», un operatore virtuale di rete mobile ( mobile virtual network operator o «Mvno» come sono chiamati dagli addetti ai lavori), cioè un fornitore di servizi di telefonia mobile che non possiede alcuna licenza per il relativo spettro radio né ha le infrastrutture necessarie per fornire i servizi. Infatti Sky userà la rete di O2 (Telefonica).

«Sentivamo che era il momento di dare una scossa al mercato mobile e di offrire ai consumatori un modo totalmente nuovo di gestire il loro piano», ha detto Stephen van Rooyen, amministratore delegato di Sky per il Regno Unito e Irlanda.

Sky offre chiamate e Sms gratis a livello nazionale e piani personalizzabili. I Giga di dati non utilizzati possono essere usati in futuro, conservandoli in una sorta di «salvadanaio» dove resteranno a disposizione fino a tre anni. Inoltre i membri di una stessa famiglia potranno prendere fino a cinque Sim e dividersi i dati non utilizzati. La possibilità di «accantonare» i byte o di «scambiarseli» non è da poco: secondo Sky, i consumatori britannici utilizzano meno della metà del traffico dati che che comprano dagli operatori «tradizionali», pagando due miliardi di sterline in più.

Sky comincerà a vendere i contratti Sky Mobile in modalità Sim-only a metà dicembre ai clienti esistenti per passare poi al resto del mercato l’anno prossimo. Chi non è cliente di Sky Tv dovrà aggiungere 10 sterline al mese per avere chiamate e Sms illimitati oppure pagarli al consumo.

Nel 2017 Sky Mobile amplierà l’offerta per includere non soltanto la Sim ma anche smartphone di Apple, Samsung e altri. Secondo Sky, già circa 46mila persone hanno effettuato la pre-registrazione per passare ai piani tariffari del nuovo operatore che trasforma Sky a pieno titolo in un «quadruple play provider», in grado quindi di offrire agli abbonati quattro servizi: banda larga e pay-tv con offerta legata al telefono fisso e ora anche il servizio di telefonia mobile. Lo farà anche in Italia?

Fausta Chiesa

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le previsioni della Commissione europea sull’economia dell’Unione e dell’Italia rappresentano ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Con un coordinamento esemplare, le due maggiori economie mondiali hanno rilasciato una "doppietta" d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il 2021 offre un parziale esonero contributivo, pari a un massimo 3mila euro, a lavoratori autonomi ...

Oggi sulla stampa