Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’inflazione e lo stop a J&J non spaventano i mercati

L’inflazione Usa non spaventa (per il momento) i mercati azionari. Il rialzo oltre le attese mostrato ieri dall’indice dei prezzi al consumo statunitense (+2,6% su base annuale a marzo, dato più alto dall’agosto 2018) non viene evidentemente ritenuto sufficiente dagli investitori per indurre la Federal Reserve a rivedere le misure di sostegno. né ad anticipare un rialzo dei tassi che resta ancora lontano nel tempo. A contribuire a gettare acqua sul fuoco che poteva covare sotto agli indici di Borsa hanno paradossalmente contribuito anche le notizie sui problemi legati ai vaccini marchiati Johnson & Johnson.

Un’eventuale frenata della campagna di immunizzazione della popolazione comporterebbe infatti anche un rallentamento della ripresa economica post-Covid, la cui avanzata oltre le attese aveva portato nelle scorse settimane il mercato a riconsiderare il livello dei tassi obbligazionari e di conseguenza influenzato anche l’azionario. Sono quindi da leggere in questo senso tanto i movimenti dei titoli di Stato Usa, con il rendimento del decennale in leggero ribasso all’1,67%, quanto l’arretramento del dollaro, che ha a sua volta riportato l’euro oltre la soglia di 1,19 ai massimi da tre settimane.

Da oggi Wall Street inizierà a prendere le misure con i bilanci societari. La stagione delle trimestrali, tema di cui si parla in modo più approfondito a pagina 23, entrerà infatti nel vivo con i dati delle banche Goldman Sachs, JpMorgan e Wells Fargo. Gli analisti si attendono una crescita media del 25% per gli utili delle società dell’indice S&P 500 rispetto ai primi tre mesi dell’anno precedente, grazie proprio soprattutto alla spinta del settore finanziario. Pure in Europa i listini hanno terminato in terreno positivo, nonostante anche in questo caso un indice Zew sulla fiducia degli investitori in calo (70,7 punti) e al di sotto le attese ad aprile.

A primeggiare nel Vecchio Continente, per il secondo giorno consecutivo, è stata Piazza Affari (+0,59% per il Ftse Mib), seguita da Parigi (+0,36%) e Francoforte (+0,18%). Sul listino milanese si sono viste prevedibili prese di beneficio su Diasorin (-1,07%) il giorno dopo il balzo legato alle acquisizioni in terra statunintense. Ha contribuito invece a rialzare il tono Amplifon, in rialzo del 6,82% dopo la revisione del giudizio da parte dell’agenzia S&P, che ha migliorato l’outlook a «stabile» da «negativo».

Da segnalare infine una nuova operazione del Tesoro italiano, che ha collocato titoli a 3, 10 e 15 anni per complessivi 7,75 miliardi di euro a tassi in leggera risalita rispetto al mese precedente. Nel dettaglio, il rendimento del titolo triennale (scadenza aprile 2024) è salito a -0,17% da -0,22% del collocamento di marzo, quello del decennale (giugno 2026, con scadenza però residua di cinque anni) allo 0,12% dallo 0,05% di un mese fa, mentre il tasso del BTp a 15 anni (marzo 2037) è risalito all’1,26% dall’1,05% dell’asta di novembre. Resta comunque sostenuta la domanda degli investitori, che complessivamente ha raggiunto 11,177 miliardi, nel giorno in cui il tasso del decennale ha terminato la seduta allo 0,75%, per uno spread nei confronti del Bund di pari durata a 104 punti base.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un balzo in avanti. In parte previsto, ma che comunque apre una prospettiva diversa rispetto al pess...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Decontribuzione dal 50 al 100% per i lavoratori che usciranno dalla cassa integrazione del settore t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dica la verità, senatrice Bongiorno, ma la Lega vuole davvero i fondi del Recovery che sono legati ...

Oggi sulla stampa