Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’inflazione al 2,7%. Bollette su per luce e gas

di Antonella Baccaro

ROMA— Inflazione al 2,7%, a giugno: il livello più alto dal novembre 2008. Il dato si allinea così alla media prevista per la zona euro, rispetto alla quale, ieri, la Banca centrale europea ha detto di voler restare «molto vigile e pronta a agire per evitare pressioni inflazionistiche a medio termine» . L’aumento del carovita in Italia, nello scorso mese rispetto a maggio è, secondo le stime provvisorie diffuse ieri dall’Istat, dello 0,1%, in rallentamento dunque rispetto al primo quadrimestre. Ma nuovi rincari sono previsti: a partire da oggi le tariffe della luce e del gas saliranno. Per l'elettricità, secondo quanto ha deciso l'Autorità per l'energia nell’aggiornamento trimestrale, è previsto un rialzo dell'1,9%e per il gas del 4,2%. Questo vuol dire che, per una famiglia, ci sarà una spesa maggiore di 8 euro per la luce e circa 44 euro per il gas. Tornando all’inflazione, sull'aumento pesano soprattutto i rialzi dei prezzi per i servizi relativi ai trasporti: +1,1%a livello congiunturale, +5,2%a livello tendenziale. In particolare il trasporto aereo passeggeri segna un aumento mese su mese del 6,9%, che diventa del 13,8%anno su anno. Più deciso l’incremento dei prezzi del trasporto marittimo e per vie di acque interne (+10,8%), con un balzo, rispetto a giugno 2010, del 52,8%(+62,3%a maggio). Quanto al trasporto ferroviario passeggeri, il rialzo su maggio è del 2,0%e dell’ 8,4%su base annua. Si segnala, inoltre, l’aumento congiunturale (+0,4%) dei prezzi delle assicurazioni sui mezzi di trasporto, cresciuti su base tendenziale del 5,4%. Prevedibile anche il rincaro del comparto ricreativo e turistico in apertura delle vacanze estive: l'Istat segnala l'incremento congiunturale dei prezzi dei campeggi (+14,4%) e delle pensioni e simili (+2,0%) e il balzo degli stabilimenti balneari (+3,5%), che crescono del 4,3%su base annua. Secondo Confcommercio, i dati di giugno rappresentano «un dato nel complesso positivo che si presta a diverse interpretazioni» , con un rialzo dei prezzi, rispetto a maggio, «assai modesto» . Mentre quello che «continua a destare preoccupazione è la perdurante debolezza della domanda per consumi» . In queste condizioni, secondo l’associazione guidata da Carlo Sangalli, l'attuale incremento dei prezzi «proviene esclusivamente dai costi e difficilmente potrà essere riassorbito dalle imprese» . In allarme le associazioni dei consumatori che ora temono l’effetto dell’aumento dell’accise sui carburanti che parte oggi. A livello europeo, il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, ieri ha fornito alcune previsioni durante un'audizione parlamentare. In Europa, ha spiegato, «stiamo osservando una crescente pressione sui prezzi, soprattutto nelle prime fasi del processo produttivo» . L'inflazione nella zona euro ha raggiunto il 2,7%a maggio e giugno, dopo il 2,8%di aprile. Tassi di inflazione che negli ultimi mesi riflettono per lo più il rincaro dell'energia e delle materie prime. Le proiezioni degli esperti dell'Eurosistema indicano un'inflazione compresa tra il 2,5 e il 2,7%per il 2011 e tra il 2,1 e il 2,3%per il 2012. «A nostro avviso -ha concluso Trichet -i rischi per queste prospettive restano sostanzialmente bilanciati in un contesto di elevata incertezza» .

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa