Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ligresti, il verdetto del board

MILANO — Ieri i vertici di Fonsai, il comitato degli indipendenti e i legali si sono riuniti per preparare i lavori del consiglio di oggi, convocato dopo che l’Isvap ha dato 15 giorni di tempo alla compagnia per promuovere azioni di responsabilità e recuperare gli esborsi relativi a una serie di operazioni «irregolari» con parti correlate, cioè con i Ligresti. Scaduti i termini potrà essere l’authority a intervenire nominando un commissario ad acta, che si occuperà cioè delle iniziative da assumere. Il board di oggi sarà probabilmente dedicato a una valutazione approfondita del provvedimento Isvap e il comitato degli amministratori indipendenti (che si occupa delle operazioni con le parti correlate) potrebbe indicare il percorso da seguire: arrivare cioè con una proposta sugli interventi da effettuare nel consiglio immediatamente successivo, che potrebbe essere convocato per lunedì prossimo. Proposte che il board dovrà poi portare a un’assemblea dei soci da mettere in calendario. Il tempo stringe. Ma l’intervento dell’Isvap non interferisce sulla integrazione con Unipol. Lo ha sottolineato ieri Federico Ghizzoni, numero uno di Unicredit: «L’operazione Unipol andrà comunque avanti. La pressione dell’Isvap c’è sempre stata, è giusto che continui, ma penso ci siano i tempi per affrontare le problematiche esistenti all’interno di Fonsai. Non credo che impatterà» sull’aggregazione con il gruppo bolognese. Sempre oggi al board il collegio sindacale potrebbe indicare che Roberto Cappelli, consigliere che fa parte del comitato degli indipendenti, non ha appunto i requisiti di indipendenza. Il board potrebbe decidere diversamente, anche perché li ha appena confermati. In ogni caso il comitato è stato integrato con altri due componenti e per la valutazione delle delibere già prese (come quella sui concambi) potrà essere considerato il voto già da loro espresso.
Nel frattempo risulta scaduta alla mezzanotte di ieri l’offerta ter di Palladio e Sator. Ieri Fonsai avrebbe inviato una nuova lettera a replica di quella recente dei due investitori. La compagnia respinge le contestazioni delle società guidate da Roberto Meneguzzo e Matteo Arpe, che in sostanza non considerano accettata la loro proposta perché Fonsai, nel dichiarare la disponibilità ad approfondire, avrebbe aggiunto alcune condizioni. Fonsai risponde confermando le condizioni (due diligence reciproca con accordo di riservatezza; consorzio di garanzia dopo l’accordo) aggiungendo però la disponibilità a discuterne. Oggi si dovrebbero conoscere le valutazioni di Palladio e Sator.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non chiamatela più utility locale. Il gruppo A2a cerca il salto di categoria: da società dei servi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo la crisi, scatta la "riscrittura" del Recovery Plan da parte del Parlamento. Il documento di 16...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

A2A lancia il piano industriale al 2030 per riposizionare l’azienda, «passando dal mezzo al fine,...

Oggi sulla stampa