Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Licenziamenti Melfi, sì del giudice a Fiat

di Raffaella Polato

MILANO— I licenziamenti erano legittimi. E non c’è stato alcun comportamento antisindacale. Le motivazioni della sentenza arriveranno oggi. Il verdetto, nel frattempo, è chiaro: il giudice del lavoro accoglie il ricorso Fiat, il reintegro dei tre operai di Melfi disposto un anno fa dal Tribunale su richiesta Fiom non era e non è dovuto, la condanna di allora è cancellata. Ma quella vicenda, che i metalmeccanici Cgil avevano trasformato in prima bandiera della guerra al Lingotto, diventa un boomerang per Maurizio Landini. Assicura il segretario: «Non lasceremo soli Giovanni Barozzino, Marco Pignatelli, Antonio Lamorte» . Ora però, in attesa del contro-ricorso, sono loro a perdere il posto. Non— sembra stabilire il pronunciamento di ieri — per «volontà persecutoria» dell’azienda nei confronti degli iscritti al sindacato (i tre di Melfi lo sono) con cui è scontro totale dai giorni del referendum a Pomigliano. Questa è la tesi Fiom, lì e altrove. Lì intanto, però, cade: di «persecutorio e antisindacale» , nei licenziamenti decisi dalla Sata, il magistrato non ha ravvisato nulla. Erano «legittimi» , appunto, ed evidentemente giustificati. È passato un anno. Notte tra il 6 e il 7 luglio 2010. Le polemiche sul referendum che, a Pomigliano, ha soffertamente detto «sì» al modello voluto da Sergio Marchionne. sono ancora roventi. La Fiom non si arrende, minaccia cause e guerriglia ovunque. La fabbrica di Melfi non è esente dalla tensione e, quella famosa notte, un gruppo di operai iscritti alla sigla di Landini organizza un’assemblea spontanea. Tre di loro — Barozzino, Lamorte, Pignatelli — bloccano un carrello robotizzato. Volontariamente, sostiene la Fiat, per dimostrare quanto poco basti a fermare la produzione. Involontariamente, sostiene la Fiom, anzi: è stata «una decisione organizzativa» dell’azienda. Il 13 luglio partono comunque le lettere di licenziamento in tronco. Subito dopo scatta il ricorso delle tute blu. Primo verdetto quasi immediato: il 10 agosto il giudice Emilio Minio accoglie almeno in parte le tesi dei metalmeccanici, la Fiat è condannata al reintegro per comportamento antisindacale. Il clamore, mediatico e politico, è enorme. Intervengono le cariche istituzionali e le gerarchie ecclesiastiche. Il Lingotto prende atto ma non si smuove: cedere lì, per Marchionne, significherebbe aprire gli argini. E poiché, oltre al «principio» , c’è la convinzione delle proprie ragioni, ovviamente la sentenza la Fiat la applica. Solo, con modalità che alimentano altre polemiche: in attesa del contro-ricorso gli stipendi verranno regolarmente pagati, e tuttavia sul posto di lavoro i tre non sono graditi. Resteranno fuori. Barozzino e Lamorte, in quanto delegati Fiom, i tornelli potranno varcarli, ma solo per entrare nella sala delle attività sindacali. Ora il nuovo verdetto del giudice del lavoro, Amerigo Palma, dà ragione al Lingotto: erano legittimi già i licenziamenti. Landini, alla vigilia di una sentenza ancora più delicata (quella attesa per domani sugli accordi di Pomigliano, vero simbolo della guerra Fiom-Fiat), si dice «indignato: il giudice ha dichiarato che non c’è comportamento illegittimo dei lavoratori ma nei fatti li fa licenziare» . Ha già presentato il ricorso. Sa, però, che per lui questa sconfitta segna un reale problema sindacale e di strategia. Non a caso il leader Cisl, Raffaele Bonanni, commenta subito: «Mi dispiace davvero per i lavoratori. Dimostra che l’unica strada sicura per tutelarli è sindacale, non giudiziaria» . Altrettanto non a caso, tace Marchionne. Lascia che a parlare siano i fatti. E quelli dicono che ha segnato un punto importante. Ma non ancora «il più» importante. Intanto sul mercato hanno ripreso a circolare le voci su una fusione sempre più vicina con la Chrysler. Secondo il «Wall Street Journal» le due case sarebbero ormai pronte.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa