Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Europa, sì al nuovo copyright. Più tutele dei contenuti sul web

L’Europarlamento ha approvato la nuova direttiva Ue per il diritto d’autore in rete con 348 «sì», 274 «no» e 36 astenuti, nonostante il massiccio lobbying contrario delle multinazionali Usa del digitale e le critiche dei sostenitori della «libertà della rete». Si va così verso una maggiore protezione del copyright in un settore industriale il cui valore stimato in Europa supera i 900 miliardi di fatturato annuo e impiega oltre 11,6 milioni di addetti. Ora manca solo l’approvazione finale dei 28 governi.

Il dubbio principale riguarda la posizione della Germania perché gli eurodeputati tedeschi del partito socialdemocratico, che a Berlino fa parte della maggioranza, hanno votato contro a Strasburgo: a partire da Udo Bullmann, capogruppo degli eurosocialisti che hanno preferito il «sì» per circa due terzi. Ma divisioni sono emerse in tutti i gruppi politici, dai popolari fino ai sovranisti. M5S e Lega hanno votato «no». Il grosso del Pd e Forza Italia hanno scelto il «sì».

Dopo tre anni di procedura contrastata e ad alta tensione, hanno vinto le associazioni di grandi editori, case cinematografiche e musicali, artisti, attori, giornalisti, sceneggiatori e creativi in genere, che da questa legge Ue si aspettano di poter richiedere un equo compenso per l’utilizzo sul web delle loro produzioni da parte dei colossi Usa come Google e Facebook. Le mega-piattaforme informatiche puntavano, invece, a continuare a pagare poco o nulla quanto è protetto dal copyright. Hanno però convinto molti eurodeputati e associazioni di consumatori sui rischi per la libertà della rete e per le piccole imprese, che spunterebbero dietro alcune ambiguità del testo approvato. Per Google la direttiva «farà male all’economia digitale e creativa». Il «popolo del web libero» ha sostenuto il «no» per eliminare due articoli controversi, che nasconderebbero l’introduzione di una «link tax» e di filtri sulle piattaforme in grado di censurare contenuti e impedire condivisioni. La maggioranza vincente ha smentito questi dubbi. Entità senza fine di lucro, come l’enciclopedia Wikipedia, e le piccole imprese sarebbero tutelate. L’esecutivo M5S-Lega si era espresso contro la normativa sul copyright in rete già nel Consiglio dei governi, finendo in minoranza all’approvazione preliminare di un compromesso franco-tedesco (ora passato anche a Strasburgo). E potrà favorire più chiarezza sui punti controversi nel trasferimento nella legislazione italiana. Google si è detta pronta a lavorare con «legislatori, editori, creativi e proprietari del copyright, quando gli Stati membri dovranno introdurre le nuove regole».

Ivo Caizzi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Quota 100 non è solo la misura pensionistica del governo Conte 1. È anche il numero di miliardi ch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dieci giorni per tener fede agli accordi del 14 luglio. Se entro il 10 ottobre non si chiuderà la p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Bce potrebbe far cadere il suo tabù più grande: consentire all’inflazione di salire temporane...

Oggi sulla stampa