Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’Europa avverte: Imu sospesa le coperture entro metà mese

ROMA — Dovrà passare per Bruxelles il previsto taglio dell’Imu sulla prima casa, nel senso che la commissione europea si aspetta che il nuovo governo presenti entro un paio di settimane l’aggiornamento del Programma di stabilità, con le coperture necessarie alla manovra sull’Imu ed eventualmente per finanziare l’abolizione dell’aumento dell’Iva al 22% da luglio, anche questa nei programmi dell’esecutivo Letta. Proprio per la difficoltà di trovare le risorse (almeno sei miliardi per le prime emergenze, tra Imu, Iva, rifinanziamento della cassa integrazione in deroga, proroga dei precari del pubblico impiego) i primi provvedimenti del governo non arriveranno prima di una settimana.
Camera e Senato approveranno intanto oggi il Def, il Documento di economia e finanza, predisposto dal governo Monti e che sarà presto aggiornato dall’esecutivo Letta. Il decreto legge che sospenderà il pagamento della prima rata dell’Imu a giugno e che rifinanzierà la cassa integrazione non è invece pronto. I nuovi ministri non hanno completato la formazione dei rispettivi staff e sui provvedimenti non c’è ancora l’accordo politico. Un quadro del percorso è stato delineato ieri dal nuovo ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, alla Camera, dove ha chiesto l’approvazione del Def, che costituisce «il primo tassello del mosaico». Indispensabile, perché, ha spiegato il ministro, «consentirà l’uscita dell’Italia dalla procedura europea di disavanzo eccessivo permettendo spazi di flessibilità al governo per finanziare la strategia» sulla quale ha ricevuto la fiducia. «Mantenendo la giusta attenzione ai saldi strutturali» di bilancio, ha proseguito Saccomanni, «sarà possibile prevedere una modifica del profilo tendenziale che includa le priorità annunciate dal governo», cioè meno tasse sulla casa e provvedimenti per il lavoro. In pratica il deficit 2014, previsto nel Def all’1,8% del Pil, potrebbe essere rivisto al rialzo con una nota di aggiornamento dello stesso Def.
«Nell’immediato si dovrà provvedere alla copertura idonea alla sospensione della rata dell’Imu per giugno, preservando le esigenze di bilancio comunali». La sospensione, che secondo il sottosegretario Pier Paolo Baretta dovrebbe riguardare solo la prima casa, servirà a trovare un accordo nella maggioranza su come riformare l’imposta «in un’ottica di maggiore equità e di rilancio economico», ha detto Saccomanni. Il Pdl insiste per l’abolizione pura e semplice dell’Imu sulla prima casa, che costerebbe 4 miliardi l’anno. Il Pd invece è per toglierla solo per chi ha redditi medio bassi, per un costo di circa 2,5 miliardi.
«Nel decreto d’urgenza successivo al Def dovranno trovare spazio anche il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga e, se possibile, alcune prime misure a sostegno dell’occupazione giovanile». Per la cig serviranno 1-1,5 miliardi mentre per dare lavoro ai giovani, ha sottolineato il ministro si punta sullo youth guarantee, il piano europeo per offrire un contratto di lavoro, un tirocinio o un corso di formazione ai giovani entro 4 mesi dal completamento del ciclo di studi o dalla perdita del precedente lavoro. Bruxelles ha stanziato per questo 6 miliardi nel 2014-2020. Ma l’Italia, ha detto Saccomanni, uscendo dalla procedura di deficit eccessivo, potrebbe cominciare a spendere i fondi già nel 2013. E potrebbe sbloccare il Patto di stabilità interno, dando ai comuni più ampi margini di spesa.
Ieri sera è arrivato il dato sulle entrate tributarie del primo trimestre, pari a 87,7 miliardi, in leggerissimo calo (-0,3%) rispetto allo stesso periodo del 2012. Irpef nel complesso ha segnato un +2%, ma quella sui lavoratori autonomi -7,5%. L’Ires -9,8%. L’Iva -8,6%, ma quella del commercio al dettaglio +2,1%, grazie al contrasto dell’evasione, dice il Tesoro. Le entrate sui giochi – 8,7%.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa