Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Lettere d’intento con dazi e spese

Per importare in sospensione d’Iva con l’utilizzo del plafond, gli esportatori abituali, nella lettera d’intento destinata all’amministrazione doganale, devono quantificare l’importo dell’operazione tenendo conto degli elementi aggiuntivi, rispetto alla fattura del fornitore, che concorrono alla determinazione del valore in dogana, ad esempio i dazi e le spese di trasporto fino all’ingresso nell’Ue. Di conseguenza, la nella voce corrispondente del modello della dichiarazione d’intento, in relazione alle importazioni, occorre riportare non l’importo dell’operazione (fattura fornitore), bensì l’importo «fino» alla cifra che risulterà dalla dichiarazione doganale. Resta fermo, naturalmente, che il plafond effettivamente utilizzato sarà rappresentato dall’ammontare effettivamente riportato nella dichiarazione doganale. Istruzioni in tal senso sono contenute nel provvedimento firmato dal direttore dell’agenzia delle entrate l’11 febbraio 2015, correttivo delle precedenti istruzioni, delle specifiche tecniche e del modello di cui al precedente provvedimento del 12 dicembre 2014. La modifica si è resa necessaria in considerazione della peculiarità delle operazioni di importazione, il cui valore, anche ai fini dello «scarico» del plafond, non è quello fatturato dal fornitore estero, ma quello determinato dall’amministrazione doganale in applicazione della normativa in materia. Per risolvere il problema, quindi, la modulistica è stata modificata prevedendo ora che, in caso di importazioni, nel campo 1 della dichiarazione d’intento occorre indicare un valore presunto relativamente all’imponibile ai fini Iva, riferito alla singola operazione doganale, che tenga cautelativamente conto di tutti gli elementi che concorrono al calcolo dell’imponibile in dogana, fermo quanto detto sopra in merito all’effettiva utilizzazione del plafond.

Sono state inoltre modificate le specifiche tecniche al punto 2.5.2, precisando che gli importi non vanno indicati in unità di euro, ma riportati fino alla seconda cifra decimale.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come se fossimo tornati indietro di sei mesi, il governo si divide tra chi vuole subito misure anti-...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Arriva la firma del premier Conte al decreto di Palazzo Chigi che autorizza la scissione degli 8,1 m...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppia proroga della cassa integrazione per l’emergenza Covid-19 per assicurare la copertura fino ...

Oggi sulla stampa