Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Letta ottimista: nel 2014 ripresa a portata di mano

«La ripresa economica nel 2014 è a portata di mano e serve fiducia per far girare di nuovo l’economia e riavviare i consumi». Il presidente del Consiglio Enrico Letta menziona i dati di Moody’s che migliorano le stime sull’Italia e invita tutti a una iniezione di ottimismo anche «se questi dati per ora non si vedono e non si toccano, prevalgono quelli sulla disoccupazione e le imprese che chiudono». Mentre in Senato procede l’analisi degli emendamenti alla legge di stabilità — bocciati 600, compreso quello per innalzare da 8 a 12 mila euro l’area della no tax area, ammessa invece la proposta Mucchetti per abbassare al 15% la soglia dell’Opa — il ministro del Tesoro Fabrizio Saccomanni è volato a Bruxelles dove ieri sera si è incontrato con il vicepresidente Ue Olli Rehn per tranquillizzare gli sceriffi comunitari preoccupati per l’alto numero di emendamenti alla manovra, mentre il ministro per i Rapporti col Parlamento, Dario Franceschini, diceva: «Non penso ci sarà bisogno del voto di fiducia per approvare la legge di Stabilità».
A peggiorare il quadro macro economico i dati trasmessi ieri dalla Banca d’Italia che fotografano il debito pubblico in lenta ma costante crescita: a settembre si è portato a 2.068 miliardi, 8 in più rispetto ad agosto. Siccome la crisi morde e le aziende chiudono, Bankitalia ha purtroppo certificato un visibile calo delle entrate fiscali che — sempre a settembre — sono scese a 21,455 miliardi dai 22,579 del settembre 2012. Un po’ di ossigeno arriverà dall’Agenzia delle Entrate che ieri ha annunciato il rimborso Iva per un miliardo di euro a circa 4 mila imprese. Anche di tutto questo si parlerà nel corso del vertice di oggi dell’Eurogruppo, e domani dell’Ecofin.
Se a Bruxelles l’Italia è impegnata a garantire la serietà della manovra e la tenuta dei saldi, in Parlamento infuria la carica degli oltre tremila emendamenti, 600 dei quali ieri sono stati giudicati inammissibili. Come quello bipartisan, firmato dai senatori Anna Cinzia Bonfrisco (Pdl) e Giancarlo Sangalli (Pd) per alzare la soglia dell’esenzione fiscale a 12 mila euro. Il governo lo ha respinto perché costoso e, nella sua formulazione, in grado di garantire un beneficio fiscale anche ai redditi medi e alti. I due propositori hanno annunciato l’intenzione di riformulare i testi. Hanno invece superato il vaglio dell’ammissibilità altri due emendamenti centrali nella strategia Pdl: la vendita delle spiagge (ma il Pd è contrario per cui si profila una dura battaglia) e una sanatoria sui ruoli emessi da Equitalia fino al 31 dicembre 2012 pagando l’80% del richiesto.
Un altro emendamento accolto, questa volta del Pd, dovrebbe agevolare la portabilità dei conti correnti prevedendo che non ci siano spese aggiuntive e che il trasferimento si perfezioni entro 14 giorni. La banca inadempiente rischierà un risarcimento pari all’1% del saldo a favore del cliente. Per la copertura dell’abolizione della seconda rata Imu per la prima casa, il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta ha assicurato che non sarà a carico di famiglie e cittadini. Non resta, come ha ammesso il viceministro Stefano Fassina, che aumentare gli acconti Ires e Irap per banche e assicurazioni. Fassina ha poi garantito, per rassicurare Bruxelles, che ogni modifica alla legge di stabilità avrà una copertura certa.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa