Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Letta e Hollande contro l’austerity «Avanti con la Torino-Lione»

Letta lo paragona «ad un Consiglio dei ministri congiunto», del resto 22 ministri non sono pochi e il clima è quello di una grande sintonia fra i due Paesi. Escludono la parola «asse» sia l’inquilino dell’Eliseo che il presidente del Consiglio. Per motivi diplomatici, ma forse anche di sostanza: troppe volte negli ultimi anni Parigi e Roma si sono avvicinate fra loro e allontanate da Berlino, senza poi concludere nulla. Eppure, in fondo, è quello che sembrano perseguire, un rapporto privilegiato.
Nelle strade della Capitale le proteste dei No Tav in qualche modo sopravvalutano la portata del vertice: il capitolo trasporti occupa solo una piccola parte degli incontri fra i due governi, sia Letta che Hollande confermano la tempistica, primi lavori alla fine dell’anno prossimo. E poi ci sarà da portare avanti anche il progetto della Torino-Nizza, «un’altra importante infrastruttura», rimarca il nostro premier, «progetto in grado di rendere più osmotici i nostri Paesi».
Ma il cuore dell’intesa è negli obiettivi di medio e lungo periodo, economici e di governance europea: due economie simili, che soffrono di austerity, che arrancano dietro i parametri di Maastricht, hanno voglia di riscrivere il modo in cui funziona la Ue. «Si possono avere buoni rapporti con l’Italia e mantenere buone relazioni con la Germania», precisa Hollande, assicurando che qualsiasi progetto sarà «per unire, non per dividere».
Eppure, con altra enfasi, lo stesso Hollande dice che Francia e Italia, due Paesi fondatori, hanno deciso di «fare l’Europa e di farla avanzare. Se l’Europa si ferma allora cade e questa è la responsabilità di due dei Paesi fondatori, l’Italia e la Francia». Anche Letta sceglie parole altisonanti, mentre commenta il «rafforzamento straordinario dell’intesa» fra i due Stati.
Decisioni, atti concreti, in qualche modo, scarseggiano. «La crescita, l’occupazione e la stabilità dell’eurozona devono essere il cuore delle nostre decisioni per il summit di dicembre e per il lavoro del futuro Parlamento europeo», dicono i due. Per il semestre europeo dell’Italia sarà un’occasione e una sfida, Parigi darà un mano, un gruppo di lavoro congiunto fra i rispettivi ministri dell’Economia e del Lavoro avrà il compito di rendere l’intesa produttiva, a Bruxelles e in seno al Consiglio europeo.
Al momento affiora un gruppo di proposte: un reale bilancio della Ue, unico, in grado di fare politiche sociali che attutiscano le differenze fra i diversi Paesi; un presidente dell’Eurogruppo a tempo pieno, da nominare dopo l’elezione del nuovo Parlamento europeo; decisioni definitive sull’unione bancaria già al prossimo Consiglio di dicembre.
Strumenti possibili di un’ambizione in qualche modo doverosa: «Lavorare insieme perché la prossima legislatura sia quella della crescita, lasciandoci dietro la legislatura della sola austerità», dice Letta. Bisognerà vedere come queste proposte verranno declinate e soprattutto se Francia e Italia saranno in grado di costruire un consenso maggioritario in seno alla zona euro. Su alcuni punti, è prevedibile, Berlino continuerà a fare resistenza, a cominciare dal bilancio unico.
Amarezza ovviamente per gli incidenti di Roma, la Tav è una «grande infrastruttura che va avanti con la tempistica indicata», dice ancora Letta, «profondamente dispiaciuto» per i tafferugli. Ma il «cuore» del vertice, conclude Hollande, è e resta la crescita: «Nella prossima legislatura Italia e Francia faranno di tutto per raggiungere questo obiettivo». Saremo insieme «per trascinare il maggior numero di Paesi», aggiunge il nostro premier.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa