Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

L’esordio dei fondi esteri nel consiglio di Mps. Entrano Martinez e Isolani

Dopo 7 mesi di attesa dall’acquisto delle azioni Montepaschi e dalla firma del patto di sindacato con la Fondazione Mps che li ha resi di fatto azionisti di controllo congiunti della banca, ieri i fondi esteri Fintech Advisory (al 4,5%) e Btg Pactual (al 2%) hanno fatto il loro ingresso dentro il consiglio di amministrazione, dopo le dimissioni di Marco Turchi e Paola Demartini, due dei quattro amministratori espressione delle Fondazione che hanno accettato la richiesta dell’ente di fare spazio ai nuovi soci.
Confermate le indiscrezioni delle settimane scorse: per Fintech è entrato il fondatore dell’hedge fund, David Martinez Guzman; per la società di investimento brasiliana Btg Pactual è stato indicato l’italiano Roberto Isolani, membro del comitato strategico di Btg e tra gli uomini di fiducia in Europa del fondatore Andre Esteves. Non è un passaggio di poco conto, considerato che Mps si trova ad affrontare un passaggio estremamente delicato come l’esame della Bce in vista della vigilanza unica. I risultati dell’asset quality review e degli stress test dovrebbero attorno a fine ottobre. Da quei due numeri finali dipenderà il futuro della banca, in particolare la necessità o meno di un nuovo aumento di capitale. Il ceo Fabrizio Viola si è comunque dichiarato «tranquillo» sull’esito degli esami Bce. Mercoledì Viola sarebbe stato ricevuto a Francoforte per il dialogo conclusivo con la banca centrale sulle risultanze degli esami, con dati rigorosamente top secret.
«Sono persone molto preparate, daranno il loro contributo, sono contento di averli nel consiglio», ha detto Viola. I nuovi amministratori — in carica fino ad aprile 2015 — hanno ruoli di rilievo, sebbene nessuno dei due prenderà il posto di vicepresidente che era di Turchi. Isolani è entrato nel comitato esecutivo costituito da Viola, dal presidente Alessandro Profumo, da Pietro Giovanni Corsa — ora unico vicepresidente — e dai consiglieri Alberto Giovanni Aleotti Lorenzo Gorgoni. Martinez è entrato invece nel comitato nomine e remunerazione e, insieme con Isolani, nel comitato controllo e rischi. «Soddisfazione» è stata espressa dalla Fondazione Mps presieduta da Marcello Clarich sulle due cooptazioni, che ora vuole «procedere verso il consolidamento di una base azionaria stabile nel medio-lungo periodo».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fumata quasi bianca. Positiva però non ancora abbastanza da far considerare chiusa la partita. Ieri...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La parola che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non voleva più nemmeno ascoltare, "lockd...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nell’ultimo giorno utile per lo scambio dei diritti relativi all’aumento di capitale, il titolo ...

Oggi sulla stampa